jesolo in biciclettaEh si, sono una di quelle persone che proprio non riesce a stare ferma un attimo nemmeno in vacanza ma ho un marito e un figlio con cui devo giungere a compromessi per trascorrere i pochi giorni di ferie insieme che possiamo ritagliarci durante l’anno. E allora, dopo varie elucubrazioni, abbiamo stilato l’identikit della meta che poteva fare al caso nostro: città di mare sicuramente (per marito e figlio il mare era una conditio sine qua non) con un territorio nei dintorni che permettesse a me di fare le mie adorate escursioni in bicicletta. In Italia posti con queste caratteristiche ce ne sono molti ma quest’anno la scelta è caduta su Jesolo, dato che ci consentiva anche una capatina in una delle città d’arte più belle del mondo, Venezia!mariver5 copy

E allora via con i preparativi delle valige e con la ricerca di un hotel che mettesse a disposizione anche biciclette per cicloturismo. Devo dire che è stato più difficile preparare le valigie che individuare l’hotel: abbiamo scelto l’Hotel Mariver, un 4 stelle fronte mare con spiaggia privata. Come l’ho trovato? Bhe, semplice, fa parte del circuito Bike Hotel dell’Alto Adriatico (Adria Bike Hotel) e di Albergabici.

Giunti a destinazione abbiamo subito capito che la scelta era stata azzeccata in pieno.

Per la mia gioia

Per la mia gioia l’Hotel Mariver mette a disposizione sia city bikes per muoversi nei percorsi urbani di Jesolo sia bici da cicloturismo per lo Slow Cycling lungo i numerosi itinerari che l’entroterra offre: da Caorle a Punta Sabbioni, da Treviso a Jesolo, percorsi lungo la laguna, non c’è che l’imbarazzo della scelta.

ESTERNO_panoramica_da_spiaggia_3Nella settimana a disposizione per le vacanze, per esempio siamo riusciti a raggiungere Treviso utilizzando i numerosi percorsi ciclopedonali e percorrendo poi la Greenway del fiume Sile, un sentiero lungo gli argini del fiume di sorgiva che nasce poco sopra Treviso e sfocia nei pressi della Laguna.

Un’altra possibilità è prendere la bici e arrivare fino a Punta Sabbioni, prendere un traghetto e visitare in bici il Lido di Venezia e Pellestrina, un viaggio tra mare e cielo che segna il confine tra l’Adriatico e la Laguna.

golenaLa possibilità di essere a contatto con la natura e di ammirare paesaggi mozzafiato è assicurata!

In hotel comunque è possibile avere mappe, informazioni, servizi specializzati per i cicloturisti (lavaggio bici e attrezzature per riparazioni) e anche disporre di guide e accompagnatori durante le gite in bici per scoprire luoghi e ambienti fuori dal circuito turistico di massa.

Per la gioia i di marito e figlio (e anche mia …)

mariver1 copyL’hotel Mariver ha soddisfatto anche le aspettative di mio marito e di mio figlio, che alle mie scorrazzate in bici prediligono sdraio e ombrellone il primo e giochi in piscina o in spiaggia il secondo.

L’albergo è fronte mare ed è dotato di una spiaggia privata con ombrelloni e lettini disponibili gratuitamente per gli ospiti. In più la struttura è dotata di ben due piscine, una grande per gli adulti e una più piccola per i bambini, entrambe riscaldate. Sulla spiaggia è stato allestito uno spazio giochi attrezzato, oltre alla possibilità di godere di servizi di animazione da parte di personale preparato e qualificato.

E, chicca sia per mio marito che per me, uno splendido centro wellness che abbiamo ampiamente spista lungo Sile 3fruttato di ritorno dalle nostre gite su due ruote per rigenerare i muscoli: sauna, bagno turco, idromassaggio panoramico sul tetto dell’hotel e tanti massaggi. Una vera coccola!

Per non parlare poi del servizio di ristorazione: abbondanti colazioni e pranzi a buffet all’aperto sulla terrazza fronte mare, guardando il mare e la spiaggia, e una cena curata in tutti i dettagli, con proposte della cucina locale a base di carne o pesce e di verdure di stagione.

Scaldate i pedali allora! Jesolo e dintorni vi aspetta!

 

Reportage Melissa Rizza