La Francescana, Ciclostorica

Si respira un’aria genuina nella Piazza di Foligno: ciclisti con maglie di lana coloratissime, donne con gonnellone e cappellini anni ’70 e persino ragazzini vestiti vintage affollano la partenza de La Francescana.

La Francescana: cos’è?

La Francescana è una ciclostorica, legata al Giro d’Italia d’Epoca, che ha due percorsi uno breve di 35 km e il lungo di 70 km con 1000 metri di dislivello. “Ripercorre i sentieri e i luoghi di San Francesco – mi racconta Giada Bollati ideatrice e organizzatrice della manifestazione assieme al marito Luca Radi a Cicli Clementi e a tanti amici – dalla Piazza di Foligno dove il Santo vendette il suo cavallo per far restaurare la facciata di San Damiano, a Pian d’Arca il luogo della famosa predica degli uccelli a Montafalco dove c’è il ciclo degli affreschi francescani di Benozzo Gozzoli e così a Spello”.
Dopo la più conosciuta Eroica, La Francescana si sta ritagliando un ruolo di tutto rispetto. Il suo successo è indubitabilmente legato a una serie di ingredienti: il primo è la passione che ci mettono i tanti che la organizzano e i tanti che la pedalano. Ma a fare la parte del leone sono i borghi, le colline dell’Umbria e le eccellenze enogastronomiche che la Francescana fa degustare a tutti.

aldo ballerini

La passione per la bicicletta

Da venerdì la Piazza della Repubblica di Foligno si veste a festa con un mercatino di maglie, biciclette e accessori d’epoca e con il banco degli organizzatori di fronte allo storico negozio Clementi che accolgono gli iscritti e tutti quelli che, respirando quella sana e piacevole atmosfera, decidono di farlo all’ultimo momento. Sono tutte sorridenti le avvocatesse e professioniste prestate a La Francescana che rispondono ad ogni quesito e curiosità sul percorso, in testa l’affascinante Giada Bollati. L’entusiasmo è palpabile anche tra gli oltre cinquecento ciclisti alla partenza.
L’allegria di chi pedala si coglie ad ogni curva o salita: gruppi di amici che si sfidano chi si prende in giro nelle poche ma faticose salite perché messo a dura prova dalle bici vintage con il cambio sul telaio, ed è contagiosa. Gli addetti alla sicurezza disseminati in tutto il territorio venivano salutati e ringraziati da ogni ciclista, segno di gentilezza rilassatezza ed educazione che dovrebbero essere sempre e ovunque le note distintive di chi va in bici.

Non perderti questo:   La Vinaria: non solo bici ma anche buon cibo e bella gente

il traguardo

I ristori e il territorio

Da Foligno la prima tappa è Montefalco un paesino medievale arroccato su di una collina nella cui piazza sotto un loggiato del Teatro è allestito il primo ristoro del percorso lungo. Sono le 9 del mattino e dunque il banco offre brioche fresche appena sfornate e la tipica torta locale “la rocciata”. I ciclisti arrivano e si fermano con piacere dopo una salita che superava il 10%.

ristoro montefalco
Un altro ristoro è allestito nelle Cantine Caprai, pluripremiate per produrre un vino tra i più buoni in Italia. Qui oltre a degustare il vino viene servita un’eccellente zuppa di legumi che merita di essere assaggiata e assaporata di fronte ad un vigneto a perdita d’occhio che ha una strada bianca che pare dipinta ad arte dalla quale arrivano i coloratissimi ciclisti.

cantine Caprai
Ripartiti dopo essersi ben carburati vanno verso Bevagna, altro incantevole borgo umbro che merita una sosta, e costeggiando le sue mura earrivano ad un altro ristoro allestito nelle Cantine Carapace.  Il Carapace è un’opera d’arte una scultura-scrigno di Arnaldo Pomodoro che custodisce il Sagrantino dei Lunelli.
E all’esterno di questa gigantesca opera simile ad una tartaruga il ristoro panoramico offre altre specialità e prelibatezze locali: pane e porchetta e una zuppa di lenticchie e lumache da annaffiare con il vino della famiglia Lunelli.

Cantine Carapace Lunelli
Non c’era ciclista che non degustasse, che non apprezzasse e che invece si preoccupasse di come affrontare a stomaco pieno la salita successiva.

gruppo ciclisti
Dopo l’arrivo in Piazza a Foligno i ciclisti con le colline e i borghi negli occhi e ogni ben di Dio nello stomaco non vengono abbandonati al loro destino ma accompagnati ancora una volta dagli attenti e premurosi organizzatori a gustare i prodotti locali: un meraviglioso pastaparty è stato allestito all’interno di una Taverna adiacente alla Piazza!

www.lafrancescana.it