Oggi voglio portarvi in Abruzzo, una terra meravigliosa che va scoperta e assaporata chilometro dopo chilometro. Qui sono anni che stanno lavorando ad una ciclabile che ci consenta di percorrere tutta la costa dal primo all’ultimo comune, da Martinsicuro a San Salvo. A che punto sono? Sembra che ad agosto sarà percorribile al 90 %, ma ci sono notizie discordanti su questo punto. Completata conterà su 131 km e si chiamerà Bike to Coast.
Poche settimane fa ho percorso il tratto della Costa dei Trabocchi, il tratto da Ortona a Vasto, assieme alle guide di Bikelife e con una mtb, perché questo è quello più incompleto dal punto di vista dei lavori e chissà quando sarà ultimato.

Cosa sono i trabocchi?

I trabocchi sono delle strutture fatte a palafitte di legno con un ponte che àncora la struttura alla riva e che servivano per la pesca. Ce ne saranno almeno una trentina ancora recuperati e ben conservati e alcuni sono stati convertiti in ottimi ristoranti di pesce come Punta Cavalluccio. Ma non sediamoci subito a tavola altrimenti vi assicuro è difficile alzarsi.
Qui si pedala sul sedime della ferrovia che in alcuni punti è stata arretrata e si è immersi nella natura che a tratti è bosco e a tratti prato a strapiombo sul mare. Ad accompagnare la pedalata il fragore delle onde e il profumo di salsedine e iodio in questa zona si mischia il profumo delle piante di liquirizia e poi ciclamini e gigli marini.


Ci sono luoghi, come Punta Aderci a Vasto, che danno l’impressione di essere stati teletrasportati in Scozia per le distese di verde intenso che rivestono le scogliere a strapiombo sul mare … Ma sono i trabocchi a ricordarci di essere in Abruzzo e a dare un grande fascino e unicità a questo tratto di costa meno battuto dal turismo di massa. Si passa da spiagge di grossi ciotoli ad altre di dune e sabbia dorata finissima ed è un piacere fermarsi di continuo a contemplare lo spettacolo del mare delle scogliere e … dei trabocchi.


Di questa terra non è meno degno di nota l’entroterra. Ho scoperto un ristorante in un paesino sperduto che si chiama La Grotta dei Raselli che meriterebbe qualche stella e sono stata a degustare dell’ottimo vino al Castello di Semivicoli. “Se fossi una vite è qui che vorrei vivere” diceva Gianni Masciarelli, il proprietario di questo luogo incantevole e d’altri tempi in cima ad una collina che domina dall’alto questo tratto d’Abruzzo, dove l’arredo, le vecchie cucine con il camino, le cantine, tutto è autentico. E da qui non sarei mai tornata vi assicuro!

Costa Trabocchi

Viene identificata con quel tratto di litorale adriatico della provincia di Chieti che corre lungo la strada statale 16 Adriatica. La costa non è omogenea, vi sono tratti di spiaggia bassa e sabbiosa e tratti a ciottolame, oltre a tratti alti e rocciosi. La fascia costiera si fa strada tra vallate e colli che, terminano sul mare. I comuni che compongono la Costa dei Trabocchi sono Ortona, San Vito Chietino, Rocca San Giovanni, Fossacesia, Torino di Sangro, Casalbordino, Vasto, San Salvo. Da visitare!