Semplici amanti della bicicletta oppure sportivi incalliti e macinatori di chilometri a suon di pedalate? Il cicloturismo è la risposta per chi ama trascorrere il proprio tempo libero sulle due ruote, potendo godere della calma e della tranquillità dello scorrere lento del paesaggio. Per la sua posizione strategica, vicino a tante aree verdi e roccaforti medievali, Riccione è diventata una delle mete preferite per gli amanti del cicloturismo. Sono numerosi i percorsi che si sviluppano in prossimità della città romagnola.

Archivio Fotografico Provincia di Rimini)

Perché Riccione è la meta preferita per gli amanti del cicloturismo

Il cicloturismo è una delle ultime tendenze turistiche e si distingue per essere fra le più salutari, sane ed eco friendly. Da sempre l’Emilia-Romagna è stata attenta alla mobilità su due ruote, creando alcuni dei centri abitati più ciclabili d’Italia. Ferrara e Parma nella parte Nord, Ferrara, Rimini e Forlì in quella Sud. La bellezza delle zone site in vicinanza di queste città e la possibilità di poterle visitare in sella a una bici, ha creato una crescente domanda turistica da parte degli amanti delle due ruote. Sono non pochi infatti i bike hotels a Riccione. Cos’è un bike hotel? È una struttura altamente specializzata per il cicloturismo. Offre infatti officine e deposito bici, assieme a tutti gli itinerari percorribili in bicicletta e suddivisi per tipologia. Così tutti possono trovare il loro percorso preferito, dai semplici appassionati agli sportivi più allenati. Intorno alla città si snodano tantissimi di quei tragitti da fare tutti a forza di pedalate, che la meta sta diventando una ghiotta preda per tutti gli amanti del cicloturismo. Ora, senza indugiare oltre, ecco i percorsi più belli.

Panoramica sul mare

Questo è invece un percorso piuttosto facile e dedicato a chi ama il mare e i panorami che lo vedono protagonista indiscusso. Questo tragitto è una coast road che affianca e si affaccia su tutto l’Adriatico. Si parte da Riccione e si scende fino a Fano, passando per Cattolica e Pesaro. 100Km scarsi di pura meraviglia.

Archivio Fotografico Provincia di Rimini)

Montefeltro

È un percorso circolare di media difficoltà. Partendo da Riccione, si può andare alla scoperta di Montefeltro, Urbino, Fossombrone, Fano e Pesaro (con ritorno ovviamente a Riccione). Un tragitto lungo 135 Km, fatto prevalentemente di piane e discese e di salite nel primo tratto. Da fare se si è mediamente allenati e se si è amanti delle bellezze rinascimentali e medioevali.

Archivio Fotografico Provincia di Rimini)

Gola Del Furlo

Questo è invece un percorso impegnativo, ma la spesa vale la resa, garantito. La Gola del Furlo è una gola situata lungo l’antica Via Flaminia (che collegava Roma alla costa adriatica). È sita nel comune di Fermignano ed è costeggiata dal fiume Candigliano. I chilometri da percorrere sono 151 con partenza da Riccione e richiede una certa preparazione in quanto salite e discese da affrontare sono anche piuttosto ripide. Il miglior itinerario da seguire? Partenza da Riccione, passaggio per Urbino e poi nell’entroterra della cittadina rinascimentale, fino alla Gola, e poi ritorno verso il punto di partenza.

Giro per scalatori, o tra i Monti vicino Riccione

Quest’ultimo percorso è consigliato per chi con la bici ci va anche a dormire, praticamente. Il tragitto è infatti costituito da ripide salite e impervie discese, in giro tra tutte le alture che costeggiano Riccione. Ovviamente, la maggior parte di esse è sede di antiche rocche medievali e paesini poco frequentati che hanno lasciato intatto il loro fascino antico. Dove si va? Da Riccione si prosegue verso Montescudo poi Montegrimano e infine Monte Altavelio, con ritorno alla città della riviera romagnola.

 

Ludovica Casellati