Avete mai fatto un acquisto on line? La tentazione spesso è forte. Arriva un link da un amico, oppure direttamente una pubblicità mirata che compare su una pagina dove state sognando la vostra bicicletta nuova e si apre un mondo.

Un universo di componenti, telai, accessori: tutto quello che possa servire per trasformare una persona qualsiasi in un ciclista perfetto (allenamento a parte, ovviamente, ma vuoi mettere?).

Offerte così allettanti da sembrare incredibili. E in effetti a volte lo sono: poco credibili.

Il mercato, soprattutto on line, nasconde parecchie insidie. Prodotti falsi o di dubbia origine (provento di furti o altre vie “grigie”) possono portare ad una soddisfazione effimera e decisamente pericolosa sotto tutti gli aspetti.

I prodotti falsi possono avere una somiglianza notevole agli originali. In alcuni casi è davvero difficile distinguerli dai prodotti reali. A volte la loro origine non è lontana da chi produce gli originali, però si tratta di lavorazioni scartate (reintrodotte in maniera irregolare sul mercato) oppure della lavorazione con macchinari esausti. I telai in fibra di carbonio, ad esempio, vengono prodotti con stampi che hanno un ciclo di vita che ad un certo punto si esaurisce. Realizzare ancora telai con questi stampi porta a prodotti visivamente identici agli altri ma senza più quella qualità garantita dall’utilizzo regolare. Oppure, per produrre un telaio più economico, si utilizza lo stesso stampo ma si mette all’interno fibra di carbonio o altro materiale decisamente di qualità inferiore. Inutile dire che questi prodotti non hanno mai passato alcun test di sicurezza (richiesto per legge per l’immissione sul mercato) e in caso di incidenti un’analisi tecnica farebbe scoprire immediatamente la truffa con tutte le conseguenze penali del caso..

In altri casi si tratta di contraffazioni più semplici da individuare: i prodotti sono delle imitazioni realizzate in maniere più o meno grossolana e un occhio attento ne rivela subito le differenze: ad esempio un adesivo di scarsa qualità applicato superficialmente rispetto alla decals applicata sotto al trasparente.

Come cautelarsi

La prima regola per non correre rischi di acquisti fasulli è, ovviamente, passare per i canali ufficiali. I rivenditori autorizzati, ma anche i semplici negozi, non rischierebbero mai di vendere prodotti pericolosi. In teoria dovrebbero anche rifiutarsi di montarli in caso di dubbio, visto che l’operazione del montaggio li mette, per legge, nella filiera delle responsabilità in caso di problema.

Anche negli acquisti on line, spesso più convenienti del negozio fisico, ci sono rivenditori affidabili ed altri sospetti. Ovviamente chi ha anche un negozio fisico ha già più punti di affidabilità per quanto detto poc’anzi, ma ci sono tantissimi rivenditori, esclusivamente on line, assolutamente seri. Spesso basta una ricerca su internet per individuarli e capire subito l’affidabilità di un’offerta. Prezzi troppo bassi devono mettere in guardia: o il prodotto non ha reale valore, oppure viene da un mercato pericoloso e chi lo vende vuole disfarsene rapidamente per realizzare comunque qualcosa.

Non perderti questo:   Il casco per la bicicletta: come sceglierlo e perchè

Le aziende

I produttori di componentistica e telai operano delle vere e proprie campagne contro la contraffazione. Alcuni marchi hanno addirittura del personale dedicato a cercare prodotti sospetti e denunciarli a chi di competenza. Al tempo stesso sollecitano i clienti a rivolgersi ai propri uffici per verificare la reale bontà di un’offerta.
Tra le ultime segnalazione giunte in redazione c’è quella di Campagnolo. Il marchio vicentino ha pubblicato sul proprio sito alcune regole per cautelarsi. Regole che, in generale, possono servire per tutti i prodotti.
Eccole:

– RIVOLGITI AD UN NEGOZIO CAMPAGNOLO

Per gli acquisti di prodotti Campagnolo, rivolgersi preferibilmente ad un negozio Campagnolo Pro-Shop o ad un Campy Code dove, oltre al prodotto, sono garantite anche professionalità e competenza.

– VERIFICA L’AFFIDABILITÀ

I falsari operano maggiormente on-line attraverso siti e-commerce e aste on-line. In caso di acquisto on-line, verificare preventivamente l’affidabilità del venditore.

– CONTROLLA IL CERTIFICATO

I nostri prodotti finora più contraffatti sono le ruote della famiglia Bora e Hyperon. In caso di loro acquisto, controllare sul cerchio la presenza di un cartellino dotato del Codice Certilogo®.

– DIFFIDA DALLE GARANZIE TROPPO ESTESE

Attenzione, spesso i falsari offrono garanzie estese, che non hanno chiaramente alcun valore. Ricordiamo, che 3 anni è la validità della garanzia Campagnolo in tutto il mondo.

– NON FIDARTI DEI PREZZI TROPPO BASSI

Un prezzo di vendita molto più basso rispetto a quello mediamente proposto da altri operatori del mercato, è il primo segnale che vi deve mettere in allarme.

– INVIACI LA TUA SEGNALAZIONE

Campagnolo combatte la contraffazione collaborando con diverse società e agenzie internazionali che hanno già provveduto ad eliminare da diversi mercati offerte di prodotti contraffatti. Il tuo ruolo è fondamentale. Inviandoci la tua segnalazione su eventuali annunci di prodotti contraffatti, ogni nostra azione potrà essere più incisiva.

L’approfondimento delle informazioni può essere trovato sull’apposita pagina del sito Campagnolo accessibile da qui.