Prendi 800 lattine, ritrasformale e il gioco è fatto, nasce così la ricicletta! La Ricicletta è una bicicletta di alluminio riciclato, realizzata appunto con l’equivalente di 800 lattine. Questo nuovo modello è stato presentato al Jova Beach Party, Estathé con il Cial (Consorzio Imballaggi Alluminio) e il Wwf. Una Ricicletta per ciascuna tappa verrà donata al Wwf e messa all’asta per raccogliere fondi. I numeri del riciclo dicono che con 640 lattine di Estathé si può dare vita a un cerchione d’auto, con 130 a un monopattino, con 37 a una caffettiera, con 3 a un paio di occhiali.
“Con l’80% di riciclo di imballaggi in alluminio nell’ultimo anno l’Italia si conferma fra i migliori in Europa. – afferma Stefano Stellini, responsabile relazioni esterne Cial – Lattine per bevande, scatolette e vaschette per alimenti, foglio sottile in alluminio, bombolette spray, tappi e chiusure rinascono per dare vita a nuovi prodotti”.
Tutto è focalizzato sul concetto che la Ricicletta non è solo una bicicletta, ma un esempio di come sia possibile non disperdere risorse preziose riutilizzando al meglio quello che con troppa facilità e troppa superficialità viene considerato rifiuto.

Non perderti questo:   Prima edizione di Bike Ecomony 24 a Rimini a settembre


“Mostrare concretamente cosa si può ottenere attraverso il riciclo di quelli che consideriamo rifiuti è il modo migliore di sensibilizzare le persone”, – spiega Benedetta Flammini, direttore marketing e comunicazione Wwf –
L’obiettivo dell’iniziativa è incentivare il recupero e l’avvio al riciclo dell’alluminio, per salvaguardare l’ambiente e favorire il risparmio della materia: il riciclo dell’alluminio richiede solo il 5% di energia rispetto a quella necessaria per produrlo partendo dalla materia prima. Le lattine di Estathé sono fatte con alluminio riciclato e riciclabile al 100% ed infinite volte. Poiché l’alluminio mantiene inalterate le sue proprietà caratteristiche a prescindere dal numero di volte che viene riciclato, le lattine possono essere continuamente riciclate e trasformate”.
Allora ricicliamo e riciclettiamo!