Si può amare la bicicletta e si può amare il buon vino, se poi si mettono insieme le due cose nasce La Vinaria, la ciclostorica adatta agli amanti di storia, biciclette e vino. Quando? La Vinaria vi aspetta il 24 e 25 agosto. Come è nata l’idea? L’idea nasce nel 2016 dal gruppo di cicloamatori G.S. Cicli Carube e subito sposata dai sindaci di Montecarlo, Porcari e Capannori. Il nome nasce da “La Via Vinaria”, manifestazione vinicola che vede l’apertura delle fattorie per la degustazione del vino e dei prodotti enogastronomici locali. La Vinaria Ciclostorica non è una gara agonistica, ma è pensata per chi vuol fondere passione, divertimento, natura e paesaggio avendo come scopo il pedalare in compagnia e il buon cibo. Per questo tutti possono parteciparvi ma si devono usare bici da corsa antecedenti al 1987 che abbiano puntali e cinghietti, filo dei freni esterni al manubrio e leve del cambio sul tubo obliquo. L’abbigliamento, ovviamente, deve essere consono
alla manifestazione. Due sono i percorsi, “il divino” di 43 chilometri fatto per ciclisti che vogliono godere dei paesaggi e degli ottimi ristori lungo il percorso, e “l’intrepido” di 78 chilometri, per gli avventurosi che non hanno paura delle salite e vogliono vedere un panorama mozzafiato dalla catena appenninica capannorese e
visitare luoghi come la “quercia delle streghe” dove la leggenda narra che ci sia stato impiccato Pinocchio. Qualsiasi percorso decidiate di fare ci sono numerosi e ottimi ristori, la partenza e l’arrivo sono dal parco di una villa cinquecentesca “Villa La Badiola” antica residenza dei signori Arnolfini, circondata dai suoi vigneti e uliveti, subito al di sotto della “Specola” un osservatorio astronomico voluto da Paolina Bonaparte. Con il patrocinio dei comuni di Capannori, Porcari, Lucca e l’Opera delle Mura di Lucca.

Non perderti questo:   Ciclovia del Sangro tra Abruzzo e Molise


Questa quarta edizione fa parte della Coppa Toscana Vintage e vede la partecipazione di oltre 400 cicloamatori che dal sabato mattina si intratterranno nel mercatino vintage e in quello agricolo a chilometro zero. Il sabato pomeriggio sarà la volta del ritrovo di auto e moto d’epoca e dopo il tour serale le stesse auto saranno in affiancamento alla pedalata della domenica come auto di scorta. La cena augurale del sabato 24 agosto vede ciclisti e accompagnatori riuniti nella Piazza del Mercato a Marlia per un social dinner in chiave toscana con piatti tipici e vino del territorio. Tra i premi in palio il 3° Trofeo Luciano Berruti per il partecipante con la bicicletta anni ’20 più bella. Alla squadra più numerosa il 1°Trofeo Silva Roberto, imprenditore e cicloamatore che aveva fatto della bicicletta uno stile di vita, mancato prematuramente pochi mesi fa.

http://www.lavinaria.it