L’OROSCOPO DI MADAME MOSKARDIN

è un appuntamento settimanale che abbiamo concepito come un divertissement leggero e piacevole ma soprattutto come spunto per procedere sempre, e nonostante tutto, con ottimismo. Per aspera ad astra!

ARIETE: Come cantano i Matia Bazar “C’è tutto un mondo intorno” da riprendersi pienamente, con grinta e determinazione. Sfondate dunque con fiducia la porta che si era chiusa e puntate in alto, com’è nella vostra indole di conquistatori delle vette e arrampicatori sociali. Del resto chi meglio di voi può assestare il colpo giusto per fare breccia e uscire alla riconquista anche dell’altro palco (stavolta non di corna d’ariete, ma scenico)? Ricordatevi di partire attrezzati ma con zaino leggero: questa prima fase consisterà in una palestra di climbing ma su una falesia a strapiombo. Dunque l’essenziale è calma (che tendete a perdere facilmente) e gesso (sulle mani per evitare brutte scivolate). Sarà tutto in salita il primo tratto, ebbene sì.

TORO: La tentazione, dopo questo lockdown, è di mettervi a correre per recuperare il tempo perduto e andare a pareggio, anche con le finanze. Attenzione però: in tanta fretta potrebbe accadervi come a Pamplona, che nella concitazione da fuga tra la folla non sapete bene se inseguite (qualcosa o qualcuno) o scappate (da altre situazioni di stress) col rischio di fare e farvi del male. Per prudenza, in un primo momento, fate come il capo indiano e rimanete …Toro Seduto: la posizione perfetta per pianificare e valutare. Poi, una volta deciso, incominciate a camminare col giusto ritmo verso la direzione prefissata.  Magari munendovi di un contapassi per tenere monitorata efficienza ed efficacia del vostro incedere, che in questo primo periodo sarà, prevediamo, piuttosto lento.

GEMELLI:

Fra oceani di incertezza e baie di incostanza, è come se non sapeste da che parte (ri)cominciare o a chi dare i resti (ne erano rimasti?). Mai come in questo momento il duplice emblema del vostro segno si fa sentire non come doppio di forza ma come dualità di conflitto e siete in baruffa con l’altro gemello siamese di voi stessi. Cavalcare l’onda è sempre stato il vostro motto, oltre che la vostra attitudine, ma ora siete stati travolti da un inaspettato tsunami, in una dimensione sospesa fra cielo e mare. E per giunta avete da tenere a bada anche l’aquilone! L’importante è orientare il boma assecondando il vento a favore per evitare raffiche destabilizzanti e tenere i piedi molto ben incollati alla tavola per rimanere in cresta.  Il vostro giorno fortunato? “Un mercoledì da leoni”, naturalmente!

CANCRO:L’intimo ottimismo che vi pervade (positività, per un po’, è un termine da utilizzare con parsimonia) vi fa intravedere uno scenario roseo per il futuro, che però è come un fondale, non marino ma di quinta teatrale: tutto da dipingere a seconda di come si evolveranno trama e copione della piéce (non è del tutto una tragedia, suvvia) e col sopraggiungere del nuovo Atto cambia lo scenario. Tuffarvi in nuove esperienze e sbracciarvi in vasche di passione non è mai stato un problema per voi che avete l’acqua come elemento dello zodiaco, così trascinante però a volte da inghiottirvi in facili infatuazioni come un sughero tra le rapide di un torrente. In questo periodo risentite molto del passaggio da stile libero ad apnea. Ovunque voi siate, trattenete pure il respiro ma abbiate sempre un occhio alla superficie per risalire  o alla T nera piastrellata del traguardo per riemergere.

LEONE: Il fermo forzato in panchina vi è servito per ristabilire priorità e ambizioni rispetto alla vita che conducete e quella che desiderate. Vi siete finalmente convinti del vostro ruolo in squadra: volete essere chi si alza in volo per dare la schiacciata vincente sotto rete, (insabbiandovi pure, che tanto dopo ci si pulisce) ma strappando grida di giubilo tra gli spettatori, piuttosto che ricevere il bagher a fondo campo e far sentire solo il colpo della palla sui polsi al compagno di formazione. Certo, ora serve la rincorsa d’attacco e la tecnica ottimale per guadagnare centimetri di elevazione.  E punti. Non più di sutura per le brusche impreviste cadute, ma di vantaggio sul tabellone.  Per entrare dritto – e di diritto – primo in classifica.

VERGINE: Siete un segno di terra… rossa, con l’approccio razionale giusto rispetto ai colpi degli avversari, come pure della vita. Sapete bene la differenza tra perdere un set e vincere un match e riprendendo a giocare dopo tempo di inattività potreste avere anche le palle sgonfie.  Poco male: se l’allenamento è mancato, anche i pochi dritti e rovesci contro il muro vi hanno sicuramente giovato.  Se poi in questo periodo di fermo la racchetta l’avete usata in cucina come scolapasta emulando un solitario Jack Lemmon nel film “L’appartamento” , presto tornerà ad essere la vostra elegante compagna di avventure e socialità come nel “Giardino dei Finzi Contini”. Allacciatevi le scarpette e preparatevi al servizio. Anche da dodici, con la teiera.

BILANCIA: Per questo girone di …andata vi siete allenati con impegno – cattivissimi in cattività – in modo da essere performanti. Mai come in questo periodo parole come punizione, fuori gioco e rigore  vi sono sembrate calzanti come una scarpetta coi tacchetti alla realtà. In questa ripresa la vostra tenacia e pacatezza vi fanno puntare in direzione della rete (e non più solo quella del letto).  Certo, dovrete dribblare, mantenendo il controllo della palla ed evitando colpi di testa e falli che potrebbero tradursi in autogol. E’ preferibile in un primo momento comportarsi da mediani e tenersi diplomaticamente al centro, intercettando semmai corridori di fascia intenzionati a darvi l’assist giusto. Vi attende un campionato intenso, con gli occhi dell’arbitro puntati addosso, ma avete tutta la tifoseria dalla vostra parte.

SCORPIONE: Il mantra “Andrà tutto bene” comincia a non convincervi più, il profumo dell’incenso vi ha quasi nauseato e al bianco e nero dello Yin e Yang preferite il caleidoscopio di colori di una vita sana all’aria aperta, dove stendere un plaid e mettervi nella posizione del loto ma stavolta per uno spensierato pic-nic fra amici. Va bene l’imperturbabilità della mente e la centratura interiore, ma ora sentite il bisogno di un concreto “Tana! Libera tutti!” per imparare asana nuove dal momento che la posizione “cane a testa in giù” non fa più per voi, avvertendola anzi un tantino rischiosa… Meglio la fierezza della montagna. Anche come destinazione.

SAGITTARIO: Intenzione, obiettivo e mira sono i tre elementi indispensabili del tiro con l’arco (specialità del vostro segno, oltre all’equitazione, dove è importante non perdere le staffe, tenere salde le redini e a volte usare il paraocchi) ma sono anche gli ingredienti fondamentali della ricetta per la ripresa.  Se li indirizzerete tutti verso il bersaglio desiderato, farete sicuramente centro, ma occorrono anche fermezza di mano e concentrazione, per tracciare la traiettoria perfetta tra quello che avete davanti e quello che volete raggiungere.  Nel frattempo correggete lo strabismo che vi porta a vedere sempre due paglioni! State tirando troppo la corda (e va pure bene) ma attenzione al rinculo. Consiglio: tenetevi frecce in faretra.

CAPRICORNO: Tornare in sella e ricominciare a pedalare è la prima azione che avete in animo di fare appena scatterà il lucchetto, per colmare la sensazione di inattività che vi pervade da due mesi, pur avendo scampanellato nel frattempo in molte attività indoor: maratone di conference call, sprint di dirette video e giri per casa. La cyclette ha però sostituito con poca efficacia la vostra amata bici da corsa, perché da persone concrete quali siete non vi basta sgambettare su un surrogato di velocipede per totalizzare chilometri e sudore da fermi. Voi avete bisogno della meta da raggiungere per galvanizzarvi e sentirvi appagati. I giorni in casa vi sono serviti per tracciare la mappa della prossima destinazione e ora non vi resta che unire i puntini come nel gioco enigmistico e veder delinearsi il disegno completo. Toh!  È un hotel di lusso!

ACQUARIO: Pronti? Si esce al largo, in acque libere, per una full immersion nel mare magnum dei progetti rimasti in agenda. Da inguaribili ottimisti sempre attivi, questa pausa è stata utile per ricaricare le bombole, prevedere oltre alla maschera anche la mascherina  e togliervi di dosso qualche zavorra. Per voi sono importanti le atmosfere, più che la pressione, per questo le stelle (anche marine) raccomandano di tenersi in curva di sicurezza, regolare con diplomazia l’assetto variabile delle relazioni e non esitare ad azionare il jacket per tornare coi piedi per terra. Siete andati molto in profondità, soprattutto di voi stessi. E presto festeggerete i risultati di questo allenamento con una ebbrezza da “effetto Martini”!

PESCI: Che siate seduti dentro al kayak o in piedi sulla tavola di stand up, su fiume, lago, torrente o mare, sarete da soli a pagaiare in questo nuovo panorama che si è (ri)aperto. A volte vi sembrerà di roteare a vuoto tra flutti e gorghi insidiosi, altre di traballare fino a  perdere l’equilibrio e finire in acqua. Poco male: sono energie – soprattutto cinetiche – che non vanno disperse ma anzi servono per ottimizzare la tecnica e l’efficacia dell’apprendimento. Sbagliando si impara, dice il vecchio adagio. Ecco: andate adagio e siate fiduciosi sulle vostre capacità che da neofiti vi hanno sempre fatto progredire verso l’expertise.  Riuscirete nel vostro intento a rimanere in piedi.

Illustrato da Nadia Guidi