Torna anche quest’anno, seguendo le regole di sicurezza, “I love Cammini Emilia-Romagna”, un calendario di passeggiate guidate ed esperienze lungo i 18 Cammini storici e naturalistici del Circuito Regionale che attraversano il territorio da Parma a Rimini. Sono escursioni facili, fra notti nei boschi a caccia di lucciole, pedalate intorno a laghetti pieni di ninfee in fiore, borghi abbandonati, ormai ricoperti di vegetazione adatti a tutti. Alcune esperienze sono gratuite, altre a pagamento, con costi variabili, da un minino di 4 a un massimo di 265 euro. Si va dalle passeggiate più facili di pochi chilometri ai veri e propri trekking di tre giorni. Alcune sono in bicicletta (e la bici si può anche noleggiare), ma non mancano esplorazioni a bordo di minibus o shuttle. Tutte però, passo dopo passo, portano alla scoperta di meraviglie: antichi camminamenti, santuari medievali, crinali panoramici, castelli leggendari. I Love Cammini Emilia Romagna 2020 è promossa da Apt Servizi Regione Emilia-Romagna e Assessorato al Turismo Regione Emilia-Romagna in collaborazione con la Conferenza Episcopale dell’Emilia-Romagna. Le escursioni sono organizzate dagli operatori del Circuito Regionale dei Cammini e Vie di Pellegrinaggio. Per partecipare è obbligatorio prenotare, perché i gruppi quest’anno saranno più ristretti e osserveranno tutte le regole di sicurezza.
www.camminiemiliaromagna.it

Le vie dei pellegrini

Le ultime quattro proposte di cammini per viandanti e pellegrini che hanno arricchito l’offerta aggiungendosi ai quattordici cammini già esistenti nella Regione sono l’Alta Via dei Parchi, la Via Romea Germanica Imperiale, la Via della Lana e della Seta, la Viae Misericordiae.
Turismo a piedi che si coniuga in parte con quello in bici. I cammini non sono tutti ciclabili e per alcuni è necessaria la mountain bike. Quelli attrezzati sono: la Via degli Dei, la Via Franchigena, la Via Matildica e la Via Germanica. Continua inoltre il lavoro di candidatura UNESCO e il via del progetto “Terre della Via Francigena” (http://www.terre.viefrancigene.org/it/) per dare evidenza ai territori limitrofi alla Francigena. Le Vie dei Pellegrini percorrono l’Emilia Romagna, collegandola a tutta Europa e a Roma, toccando antiche pievi, santuari, piccoli borghi e paradisi naturali per oltre 2.000 chilometri di itinerari.


Le Vie dei Pellegrini che attraversano l’Emilia Romagna da ovest a est sono: la via degli Abati (129 km in regione), la via Francigena (143 km), il Sentiero di Matilde (140,8 km), la via Romea Nonantolana (208 km), la via Romea Strata-tratto Romea Longobarda (200 km), la via degli Dei (66,5 km), il Cammino di Sant’Antonio (258 km), il Cammino di Assisi (72 km), la via Romea Germanica (260 km), il Cammino di San Vicinio (320 km), la Piccola Cassia che attraversa l’Appennino tra Bologna e Modena, il Cammino di Dante che collega Ravenna a Firenze, la via dei Linari che attraversa l’Appennino parmense e la via di San Francesco che passa dal Montefeltro. Oltre le quattro già citate.
Dal 2017 il Circuito regionale propone anche tour che riguardano tutte le Vie dei Pellegrini con escursioni giornaliere a piedi o in bici e soggiorni da 1 a 7 notti con o senza guida, tra natura incontaminata, luoghi di culto e borghi storici, antiche pievi. Previsti anche momenti di relax, benessere termale e invitanti soste enogastronomiche.
https://www.viefrancigene.org/it/bicicletta/

L’Alta Via dei Parchi

L’itinerario parte da Berceto, vicino al Passo della Cisa (Parma), tocca la rupe della Verna (Arezzo) e raggiungere il Monte Carpegna, nel Parco del Sasso Simone e Simoncello (Pesaro). E’ un cammino suddiviso in 27 tappe attraverso l’Appennino dell’Emilia-Romagna, Toscana e Marche: 500 chilometri di salite e discese che uniscono due Parchi nazionali, uno interregionale e cinque regionali.


www.aptservizi.com