Volete passare un ultimo week end sul lago con i colori dell’autunno a fare da sfondo? Vi proponiamo sette ciclabili da non perdere per chi ama i laghi italiani e il loro clima mite.

Pista ciclabile Valle dei Laghi

Torbole – Arco – Terlago: queste le tappe di questa ciclabile che inizia nell’area del Lago di Garda ad ovest di Torbole, dove il fiume Sarca sfocia nel lago. Direttamente collegata alla pista ciclabile Riva – Torbole – Mori, si sviluppa lungo il fiume, ai piedi del Monte Brione sul lato opposto rispetto alla località di Arco. La pista ciclabile prosegue in direzione nord fino a Ceniga e Dro. Oltrepassato il bosco, si passa tra i vigneti di Pietramurata, ed in seguito a Sarche e a Tione. Qui inizia un tratto non ancora terminato della pista ciclabile e bisogna percorrere un tratto di strada della Gardesana oppure una strada secondaria. Merita la vista del Lago di Toblino. Vezzano si raggiunge dopo una piccola salita, e la pista ciclabile riprende fino ai Laghi di Terlago. In totale 38 km, dislivello 400 metri.

Pista ciclabile Lago di Molveno

Sulle sponde del Lago di Molveno in provincia di Trento, c’è un anello ciclabile di 13 chilometri adatto in particolar modo alle mountain bike. Ci sono vari percorsi da seguire, ve ne proponiamo uno facile con un dislivello di 90 metri e una quota massima di 925 metri con un fondo misto asfalto – sterrato. Dal lido di Molveno si prosegue per il Ponte Romano, qui una breve salita fino al “Doss Corno” per scendere sulla sponda destra del lago fino alla cascata. Con alle spalle il lago si gira verso destra per proseguire su sterrato fino al laghetto di Nembia. Una volta incrociata di nuovo la strada asfaltata si gira verso destra per due volte, e si può proseguire fino alla strada statale. Raggiunta quest’ultima, sul lato sinistro sinistra si potrà ritornare a Molveno.

Pista ciclabile Lago d’Iseo

E’ un giro facile che si svolge lungo una strada poco trafficata, tranne il tratto da Lovere a costa Volpino. Ampi tratti su ciclabile. Il percorso inizia ad Iseo, proseguendo in direzione sud si giunge a Clusane, caratteristico borgo di pescatori, seguendo la pista ciclabile si arriva a Paratico, si attraversa il ponte che conduce al lungolago di Sarnico e si prosegue a destra in direzione di Predore. Superata la prima galleria si arriva a Tavernola Bergamasca. Lungo la strada da Riva di Solto a Castro, suggestivo lo spettacolo dell’Orrido del Bögn, rocce verticali a strapiombo nel lago. Lovere è l’ultimo paese della sponda bergamasca. Proseguendo sulla strada costiera si tocca l’antico borgo medievale di Pisogne, e poi Toline, e poi fino a Vello. Ripresa la strada litoranea si attraversano gli abitati di Marone, Sale Marasino e Sulzano, lasciando sulla destra le tre isole di Loreto, Monte Isola e San Paolo. E poi di nuovo verso Iseo. Difficoltà media, 65 km adatto a tutte le bici.

Pista ciclabile dei Laghi Briantei

Un percorso ad anello attraverso cinque laghi di origine glaciale. Il percorso è misto, ci sono tratti di strada asfaltata che si alternano a tratti di fondo sterrato. Nel complesso pianeggiante, con alcuni dislivelli di rilievo. 69 km difficoltà media. Partendo da Valmadrera in località Parè, poco distante da Lecco, si può raggiungere il vicino lago di Annone per proseguire, per un breve tratto, lungo la strada provinciale verso Pusiano e poi a salire verso il lago del Segrino. Dal Segrino la pedalata continua in direzione di Ponte Lambro e poi verso Albavilla, Tavernerio, dove si prende la direzione del lago di Montorfano. Immersi nella natura, lungo un percorso sterrato, si arriva al lago di Alserio. Da qui partono alcuni saliscendi attraversoe i comuni di Monguzzo, Merone e Rogeno. Arrivati al lago di Pusiano si attraversano i Comuni di Eupilio, Garbagnate Rota e Bosisio Parini, lungo la ciclabile che fiancheggia la strada provinciale. Si prosegue verso Annone ed Oggiono, dove si costeggia il lago di Oggiono e si sale in direzione Galbiate. Da qui si può scendere lungo la strada verso Pescate oppure scendere fino al lago di Garlate, dove ci si immette sulla ciclo-pedonale che passando da Pescate riporta a Lecco e quindi verso Malgrate, per ritornare a Valmadrera.

Non perderti questo:   Ciclovia dell'Oglio: dal Tonale al Po passando per il Lago d'Iseo

Pista ciclabile Lago di Garda

Abbiamo già parlato nel nostro sito del Garda by bike, la pista ciclabile del Lago di Garda. Lunga 140 km lungo il perimetro del Lago di Garda, attraversa paesaggi mozzafiato, passa per paesini, promontori e punti in cui sembrerà di stare sospesi sull’acqua. La pista ciclabile attraversa tre regioni: Lombardia, Trentino Alto Adige e Veneto e sarà ultimata nel 2021. Il percorso passerà lungo tratti già pronti, passaggi in disuso, vecchie gallerie e zone da costruire ex-novo attraversando Sirmione, Lonato del Garda, Gargnano, Tignale. La pista sarà collegata alla Ciclovia del Sole e alla Ciclovia Vento. La pista ciclabile sarà larga 2,5 metri e avrà anche una parte dedicata ai pedoni.

Pista ciclabile Laghi di Avigliana

E’ un itinerario facile alle porte di Torino. La maggior parte del percorso si snoda su pista ciclabile e su sentieri protetti, con visita al Parco naturale dei laghi di Avigliana. Meglio utilizzare bici con gomme larghe o mountain bike. Avigliana, è un paese situato in Val Susa, i suoi due laghi di origine morenica, sono situati nelle immediate vicinanze del paese. Il Lago Grande ha una superficie di 90 ettari mentre il Lago Piccolo ha una superficie di 60 ettari. In totale sono percorribili 18 chilometri su fondo misto. Da fare con i bambini!

Pista ciclabile Lago Transimeno

La pista ciclabile del lago Transimeno parte dalla zona dell’ex aeroporto di Castiglione fino a Tuoro quindi Borghetto, Passignano e Torricella. 71 chilometri: il percorso ciclabile attraversa campagne e borghi, oliveti e casolari abbandonati. Dopo San Feliciano, antico porto di pescatori, si arriva all’Oasi della Valle. Ci si immette all’altezza della Badiaccia e si può girare tutto il lago. Quest’anno è stato inaugurato un nuovo tratto e si arriva fino ai Rigutini e poi fino a Castiglione del Lago.

L’offerta delle ciclovie dei laghi si amplierà, è in arrivo infatti la “ciclovia del Lago Maggiore: da Ispra a Biandronno”. Il protocollo d’intesa tra le amministrazioni di Cadrezzate, Ispra, Travedona e Biandronno e stato approvato all’unanimità e sono anche già state sottoscritte le intese per la ciclovia del Lago Maggiore da Sesto Calen – a Laveno Mombello e la ciclovia della Valganna, da Varese a Valganna, tutti percorsi a valenza turistica interconnessi con i corridoi del Piano Regionale della Mobilita Ciclistica e con le ciclovie già realizzate. La nuova ciclovia favorirà gli spostamenti sistematici casa – lavoro, considerato che il percorso individuato lambisce diversi poli produttivi e anche casa – scuola toccando alcuni poli scolastici, ma nel fine settimana saranno ottimi itinerari anche per i giri cicloturistici nella zona.