Non perderti questo:   Mountain bike o bici da corsa, i percorsi in Val Venosta

 

milano roma in bici

milano roma in bici

Cari lettori di Viagginbici, siete alla ricerca di uno spunto per vacanze in bici per la prossima estate? Non potete perdervi il diario di viaggio di questi 3 ragazzi di: 18, 15 e 15 anni; 48 anni in 3! Rispettivamente: Andrea, Edoardo e Francesco, che hanno percorso 721 chilometri lungo la “Via Francigena” da Milano a Roma, la scorsa estate.

Vista la giovane età dei ragazzi, nativi digitali, la loro modalità di comunicazione, è stata adeguata ai loro tempi e lo hanno fatto pubblicando in tutto 9 video dell’impresa, più uno riassuntivo (bellissimo, guardatelo qui sotto), che vogliamo condividere con voi.

Gli abbiamo poi chiesto di darci qualche elemento in più da condividere con i lettori di Viagginbici, come ad esempio:

con quali bici avete viaggiato? Quanti i chilometri percorsi giornalmente? Dove avete dormito? Ecco la risposta di Andrea il più “vecchio” dei tre:

“Siamo partiti con due Torpado T830 e una Lee Cougan Challenge ibrida. A percorrere tutti i 721km abbiamo impiegato 11 giorni (uno di questi siamo stati in stallo nei pressi di Acquapendente (Vt), oltre che per la stanchezza, anche a causa di un semi-infortunio al ginocchio di un compagno).

Abbiamo dormito sempre in luoghi dedicati (anche solo in parte) ai pellegrini della Via Francigena e, muniti di tessera del Pellegrino, siamo riusciti ogni notte ad avere un luogo nel quale dormire (che poteva essere anche solo un materasso per terra).

Ogni giorno percorrevamo in media una settantina di chilometri, fino ad arrivare ad un massimo di 115 (il secondo giorno).

Ogni sera cercavamo di fissare una tappa ideale nella quale pernottare il giorno dopo e spesso riuscivamo anche a superarci e quando giungevamo diversi km prima della meta prefissata,  contattavamo un altro stallo in cui fermarsi e lì valutavamo le nostre prestazioni”

Ci ha molto divertito leggere di questa vacanza on the road, in bici, di questi tre giovanissimi,

per la scelta di partire da soli, facendo affidamento solo sulla forza delle loro gambe e sfruttando “la benzina” dell’entusiasmo dei loro 18, 15,15, bravi Andrea, Edoardo, Francesco, bravi, bravi, bravi….prendiamo spunto da loro ed organizziamo le prossime vacanze, in bici, nel nostro Paese, che è il più bello del mondo, che ne dite?

Buone pedalate a tutti!