La Charity Ride: non erano i campioni i veri protagonisti del primo giorno.

Ia Charity Ride si corre in favore di Wings for life, un’organizzazione no-profit attiva nella ricerca delle lesioni al midollo spinale, una pedalata non competitiva.  Per me, che già tanto competitiva non sono mai, questo tagliava la testa al toro della mia stàmina.  

Ma a furia di fantasticare sui miei idoli che da lì a poco avrei incontrato dal vivo, l’alba mi trova già arzilla come un grillo, anche se la sveglia non era tanto presto. Infatti l’’appuntamento per  raggiungere in auto il luogo della partenza, Fuschl am See era alle 9, orario più che comodo.

salisburgo gara bici

Fuschl am See è un paesino grazioso nel Salisburghese, di quelli che nella regione dove ci troviamo si incontrano ad ogni piè sospinto. Facciamo base nel Road Bike and Triathlon Hotel Mohrenwirt accogliente e disponibile, e arriviamo alla partenza, che troviamo già gremita di persone: ovunque ci si giri ci sono campioni è personalità famose. Infatti questa è la decima edizione della Eddy Mercx Classic e per l’occasione sono arrivati VIPs e autorità sportive e no della regione e del paese.

salisburgo gara biciOltre alla Guest Star, il più grande ciclista di tutti i tempi, il mitico “Eddy il Cannibale”, soprannominato così per come si “mangiava” gli avversari, da cui la gara di domani prende il nome, ci sono infatti un campione del mondo per ogni anno. Ma oltre a loro ci sono eccellenze austriache di altri sport quali  gli snowborder Gitti Köck e Heidi Neururer e l’atleta campione di combinata nordica  David Kreiner insieme a altre personalità locali.

Prima del via vengono presentati e invitati a salire sul palco  i dieci-campioni-più uno: Eddy Merckx, Maurizio Fondriest, Felice Gimondi, Francesco Moser, Jan Jannssen, Rob Harmeling, Stephen Roche, Laurent Brochard, Joop Zoetemelk, Franz Stocher, Roland Königshofer.

Poi, si parte.

salisburgo gara biciMa alla partenza, di colpo, non sono più i campioni i veri protagonisti della giornata: gli hand-bikers che aprono la passeggiata rubano loro la scena, sono loro i veri eroi di questa prima magica giornata. Saranno una ventina, tutti bellissimi, sportivissimi, di varie età, dai più giovani appena trentenni a qualche ultracinquantenne. E sorridono, dall’alto delle loro bici rasoterra. E vanno, vanno davvero. Aprono loro, dicevo, e faranno anche l’andatura durante tutti i 40 e passa chilometri di questo splendido giro nel salisburghese, benedetto da un tempo surrealmente bello, in un saliscendi tra le meravigliose colline austriache, di laghi e canyon e prati, chiesette e paesini. E’ una giornata davvero emozionante che riempie gli occhi di meraviglie, il cuore di commozione e le casse di Wings for life di una raccolta fondi di tutto rispetto, con 250 euro a testa come donazione minima per un totale di circa 200 partecipanti.

La charity-ride si conclude con un ottimo “sporty lunch” sul prato retrostante l’ Hotel Mohrenwirt, dove siamo tutti insieme, campioni, handbiker, testimonials, personalità  famose e comuni mortali, dove  si mangia e si beve a volontà prelibatezze locali, piatti sostanziosi, si bevono vino e birra, si ride, si scherza tra noi, si cerca il campione del cuore con cui scambiare due parole o farsi fotografare per poi vantarsi con gli amici.

salisburgo gara bici

Io mi guardo attorno in cerca dei miei preferiti, e ho la fortuna di trovarne due allo stesso tavolo, che se la chiacchierano davanti a un buon bicchiere: Gimondi e Moser. Con la faccia tosta della prima birra, mi avvicino e riesco a ottenere una foto che mostrerò ai nipotini, proprio in mezzo a loro due, e a fare quattro chiacchiere, sul motivo che li ha spinti lì,  sul loro modo di vivere il ciclismo oggi, che è molto più godersi la vita, i paesaggi e gli amici che non la performance sui pedali.

La cena

tramonto a salisburgoSiamo all’ultima sera prima della gara vera e propria. Le nostre ospiti ci danno appuntamento per cena a un’ora “austriaca” che assomiglia tanto alla nostra merenda, con l’indicazione di “essere eleganti”. E si fanno trovare impeccabilmente vestite nel costume locale.

cena a salisburgoIn effetti il ristorante di questa sera vale un look elegante: è il Restaurant Weyringer sul lago Wallersee Un ristorante insignito di un cappello dalla guida Gault Millau Austria. Terrazza a bordo lago, quasi “pied dans l’eau” ricercato sia nella forma che nel contenuto: vista mozzafiato sul tramonto, arredi impeccabili, cucina fusion, creativa e sperimentale al punto giusto: di pesce dolce, e verdure saporite e vini eccellenti.

E poi a letto presto, domani è il gran giorno!

 

La gara.

“Non sono io che sono lenta, è il paesaggio che è troppo bello per non essere guardato”

Lo confesso: la notte prima  ho fatto fatica ad addormentarmi, come i bambini alla vigilia di Natale.

 Pensavo a chi avrei incontrato, e cosa avrei detto e fatto.

Della gara, sinceramente e delle mie possibili performance non mi importava molto, essendo io una “normale” amatrice in un gruppo in cui il più schiappa aveva corso  su pista o fatto due Giri d’Italia.

salisburgo gara bici

La sveglia è talmente presto questa volta che sorprendiamo l’alba prima che sorga. Fuori dall’albergo mi godo un momento di pace nella promessa di sole che colora d’oro il paesaggio. Ma bando alle ciance, è ora di andare.

Alla partenza a Fluschl am See  l’atmosfera è quella di tutte le Gran Fondo: emozione, attesa, allegria. Con un brivido in più dell’essere in mezzo a tutti quei miti su due ruote. E il privilegio di trovarsi in un paesaggio unico al mondo.

Per non farmi aspettare per ore dai miei compagni decisamente più prestanti, opto per un elegante “63 chilometri”, altrimenti detto “il corto” pensando che almeno quello lo posso fare bene, in un tempo di tutto rispetto.

E parto, con piglio battagliero, spingendo fiera sui pedali.

Ma poi, inarrestabilmente lo sguardo viene attratto da uno scorcio, e mi perdo in quelle mille sfumature di verde dei prati che degradano in uno dei 200 laghi di questa regione, e il colore del cielo, che chissà come fa a essere così blu. E poi ancora, si passa attraverso minuscoli paesini che sembrano usciti da un libro delle favole, che è impossibile non rimanere incantati. E ancora, chiese e monumenti ricchi di un passato antico, e altri scorci che rubano gli occhi e altri laghi e colli, e in fondo, alte montagne a fare da quinta maestosa.

 E inevitabilmente, i piedi rallentano il ritmo, e un altro tipo di batticuore sopraggiunge: quello dell’emozione della meraviglia.

Credetermi: non è che sono lenta, è tutta colpa di questo paesaggio, che rapisce e distrae.

Cronometro a parte è stata  una gara meravigliosa, che finisce nell’unico ristorante italiano all’estero in cui abbia mai mangiato squisitamente e veramente italiano: il Seegartl, dove, ci spiega il cuoco bergamasco, arriva tutto dall’Italia e viene cucinato da lui in modo impeccabile.

Gino ci racconta che si è trasferito lì 15 anni fa e non tornerebbe indietro per niente al mondo.

E mentre mi godo il suo delizioso vitello tonnato, guardando il lago di fronte a me, con l’acqua così pulita “che la si può bere”, in una giornata tiepida di sole e fresca di brezza, penso che non gli si può davvero dare torto.

Reportage di Alberta Schiatti

Non perderti questo:   Sul monte Cecilia con la campionessa di fuoristrada Marta Maragno