Per facilitare il recupero delle bici rubate e scoraggiare il fenomeno della ricettazione, il Comune di Milano ha approvato le linee guida di un avviso pubblico rivolto alle imprese o alle associazioni che svolgono l’attività di marcatura delle biciclette sul territorio del Comune. I partecipanti all’avviso potranno proporre sistemi diversi e innovativi, tra i quali la marcatura meccanica, a micropercussione, a laser, la marcatura Uv o tramite etichetta adesiva non rimovibile.

L’idea è quella di creare un registro online delle biciclette, facilmente consultabile e contenente i dati dei proprietari, le foto, le descrizioni delle bici e i relativi codici univoci di marcatura incisi sulle stesse due ruote. Il registro accoglierà sia i mezzi già dotati di un codice univoco fornito dal produttore sia quelli che ne sono sprovvisti e farà da archivio per i passaggi di proprietà dei veicoli. Il registro sarà accessibile e utilizzabile da tutti i cittadini dotati di un profilo completo sul portale del Comune di Milano, comunque potrà essere utilizzato anche da chi non è residente e utilizza spesso la bicicletta in città.

Non perderti questo:   Arriva a Bologna il bike sharing a pedalata assistita


L’utente dopo l’accesso al sito attraverso il profilo completo, potrà registrare la propria bicicletta, inserendo foto e informazioni del mezzo (compreso il codice di marcatura del produttore, qualora la bici ne fosse provvista). Il cittadino riceverà quindi un voucher con un primo codice identificativo di avvenuta registrazione della bicicletta. Con il voucher potrà andare da uno dei soggetti autorizzati dal Comune che, verificati i dati, procederà con la marcatura utilizzando un nuovo codice emesso dal sistema. Il sistema di marcatura dovrà portare all’apposizione di un codice univoco ben visibile ed anticontraffazione, nel rispetto delle norme di legge vigenti in materia di tutela della privacy.