Ci sono cose che ci sembrano irreali e fantastiche eppure sono qui a portata di mano. Stiamo parlando di bici, ma di argomenti lontani dalle nostre abitudini e dal nostro mondo. Ma non sono cose … dell’altro mondo, accadono qui, vicino a noi, in un’Europa evoluta dal punto di visto ciclistico.

Freddo freddo, ma viaggio in bici

In Finlandia quando fa caldo ci sono più o meno 10 gradi, quando fa freddo di media -20 gradi. Malgrado queste condizioni non sempre ottimali gli studenti del luogo vanno di abitudine in bici a scuola. In una foto che è rimbalzata sui social, si vede il cortile dell’Università di Oulu dove centinaia di biciclette sono immerse nella neve mentre gli studenti seguono le lezioni. Su 1.200 iscritti tra i 7 e i 17 anni, 1.000 scelgono i pedali.

Non perderti questo:   Dal 22 settembre La Francescana, Giro d’Italia d’Epoca

by teleambiente

Non piste ma superpiste ciclabili

Sono una sorta di autostrada per le bici, le superpiste ciclabili sono state pensate per favorire la lunga percorrenza, e quindi velocità di crociera relativamente alte. L’ultima superpista ciclabile sta nascendo vicino a Monaco: i pendolari potranno usarla per raggiungere la città dai suoi sobborghi del nord. La superpista sarà vietata ai pedoni e si stima la useranno 8.000 pendolari al giorno.

Babysindaco alla ciclabilità

Dallo scorso giugno ad Amsterdam c’è una baby sindaco che si occupa di ciclabilità. Lotta Crok, una bambina di 9 anni, è stata scelta per aiutare l’amministrazione comunale ad avvicinare la popolazione più giovane all’uso della bicicletta. Lotta ha vinto un concorso in cui era stato chiesto agli studenti di pensare a come rendere gli spostamenti in bicicletta più sicuri e divertenti. L’idea vincente è stata quella di aggiungere dei tandem e delle biciclette per bambini al sistema di bike sharing più diffuso del Paese.