Intervista a Maria Giovanna Spagni, Travel Manager di un importante tour operator italiano.

L’Olanda il Paese della bicicletta

Ma qual è precisamente la tua funzione in seno all’azienda?

Essenzialmente quello che faccio è “sperimentare” i viaggi proposti. Infatti prima di metterli sul mercato vogliamo essere sicuri che tutto sia organizzato al meglio! Ne ho visti di tutti i colori anche in bicicletta!

I girasoli di Van Gogh

I lettori di Viagginbici sono degli appassionati ciclisti, alcuni non temono di fare lunghi percorsi altri invece vogliono semplicemente godersi la natura caso mai in compagnia dei bambini, quale consiglio daresti per una vacanza all’estero se non si vuole abbandonare l’amata bicicletta?

In assoluto l’Olanda! Con migliaia di chilometri di piste ciclabili, un terreno assolutamente pianeggiante e con una rete di percorenza molto ben gestita è assolutamente il paese più facile per principianti, per chi vuole fare una biciclettata con i ragazzi ma anche per i ciclisti più seri vista la facilità di organizzare un percorso a tappe giornaliere, tra l’altro il 2014 è l’anno della bicicletta in Olanda quindi è proprio il momento giusto.

Sei la persona migliore alla quale chiedere un consiglio! Come organizzeresti il viaggio?

La cosa migliore è affidarsi ad un’agenzia di servizi seria che possa offrire un pacchetto completo, direi che Olanda in Tasca sia la migliore in quel senso, hanno un ampio assortimento di offerte di viaggio con o senza accompagnatore. La cosa interessante è che non si limitano a organizzare la parte ciclo del viaggio ma su richiesta si possono occupare di tutta quanta l’organizzazione, lavorano sul posto, parlano tutti italiano e hanno delle tariffe particolarmente abbordabili.

Non perderti questo:   Inaugurata la ciclabile Nomentana a Roma

naarden olanda bici

Cosa intendi per organizzazione?

L’offerta è sempre personalizzata: possono studiare insieme a te un itinerario oppure aiutarti a mettere in pratica quello che tu hai già scelto, non si fermano ai giri più usuali, ma ti possono portare sulle isole frisone oppure lungo il mare del Nord oppure ancora nella zona delle brughiere con la sosta nelle antiche fortezze storiche: l’Olanda è più variata di quello che si pensi! Poi offrono anche un giro dei castelli (anche quello dei Rothschild!) o delle ville patrizie sul fiume Vecht: sanno conciliare movimento con arte e cultura.

Ma se voglio solo fare una passeggiata in bicicletta di un paio d’ore, organizzano anche queste?

Naturalmente, oltre il classico giro nei quartieri più interessanti di Amsterdam -ti portano veramente a vedere gli angolini più nascosti della città medievale e secentesca- organizzano, tra fine marzo e fine maggio, un giro in biciletta tra i campi di tulipani. Ma interessante è anche la visita de L’Aia con un accento particolare sulla storia della Famiglia Reale oppure un giro tra le avveniristiche architetture di Rotterdam. E una volta scesi dalla bicicletta ti possono organizzare il resto del viaggio incluso una visita ai musei per ammirare le opere di Van Gogh, Rembrandt e Vermeer: come dicevo, un servizio a tutto tondo. www.olandaintasca.it

 

Intervista di Paola de Groot-Testoni