Le associazioni territoriali di Parma in collaborazione con Fiab, hanno predisposto un calendario in cui ogni domenica di marzo verrà proposto o inaugurato un nuovo percorso dei diciotto tematici di interesse culturale, predisposti per PedalArt Parma 2020, per un totale di oltre 1.000 km da pedalare. E’ questa molto in sintesi il cuore dell’iniziativa di questa rete di itinerari che si integrano con le ciclovie europee, nazionali e regionali, quali Eurovelo 5 (Francigena), Eurovelo 7 (Ciclopista del Sole), Eurovelo 8 (CicloPo) e BicItalia 16 (Verona-Sarzana). All’interno del progetto i Comuni attraversati hanno provveduto a fissare e poi sarà loro compito manutentare la segnaletica dedicata permanente che comprende circa 600 cartelli.
Tra gli itinerari troviamo: Il Po, musica, paesaggi e sapori; Lungo l’Enza fra natura, arte e storia; Il Mondo Piccolo di Don Camillo e Peppone; Verdi e la sua terra; Guarreschi e la bassa parmense; Castelli Matildici … Come si vede tantissimi gli spunti e le cose da andare a vedere. Tutti da non perdere!


Le greenway delle residenze ducali parmensi

Vi proponiamo, come assaggio, i 76 km del percorso che collega i luoghi in cui ha vissuto (le sue Residenze) la Duchessa Maria Luigia. Questa greenway è un itinerario ciclabile che collega la Reggia di Colorno, il complesso della Pilotta e del Parco Ducale di Parma e il Casino dei Boschi di Sala Baganza. Tre luoghi allineati ed orientati sull’asse Nord-Sud suggerito dai corsi d’acqua della Parma e del Baganza, confluenti che attraversano la città passando per il suo esatto centro geometrico in corrispondenza del “Ponte romano” (Ponte di Mezzo). Questo percorso unisce questi tre luoghi e complessi monumentali e rende percepibile i trecento anni di storia del Ducato di Parma e della produzione artistica fra XVI e XIX sec.
Questo è il tratto parmigiano del percorso interregionale della Ciclovia Ti-Bre (Tirreno-Brennero) Dolce (Verona-Mantova-Sabbioneta-Casalmaggiore-Colorno-Parma-Sala Baganza-Val Baganza-Berceto-Passo della Cisa- Pontremoli-Sarzana – Mar Ligure Tirreno) in corso di progettazione e realizzazione.
Da vedere durante il tragitto anche l’Oasi Lipu, l’Oratorio della S.S. Annunziata con il suo bel tetto policromo; l’Abbazia di Valserena, monumentale chiesa cistercense; il Parco dei Boschi di Carrega e il Casino dei Boschi, villa-fattoria di architettura neoclassica e di giardino storico all’inglese; la Pieve di San Prospero.
www.tourer.it/itinerari
www.andiamoinbici.it