È andando in bicicletta che impari meglio i contorni di un paese, perché devi sudare sulle colline e andare giù a ruota libera nelle discese. In questo modo te le ricordi come sono veramente….diceva E. Hemingway

Anche noi di viagginbici.com, nel nostro piccolo, lo diciamo da sempre: pedalare non solo fa bene, ma aiuta a cogliere lati nascosti dei paesaggi attraversati e a connettersi con la natura e con i propri pensieri più profondi e perché no? Fa venire idee geniali! 

Ecco cosa racconta a tal proposito Valerio Pagliarino, 16 anni, brillante studente di Liceo Scientifico di Nizza Monferrato (AT), premiato a Bruxelles il 20 settembre scorso, con il primo premio al prestigioso, XXVIII concorso, di “Giovane Scienziato dell’anno” indetto dalla UE.

“Non seguo molto lo sport in generale, amo il ciclismo su strada; mi piace seguire i grandi giri e farmi un pedalata per le colline con la mia Bianchi” ed è proprio su queste colline astigiane patrimonio dell’Unesco (sotto il link con i nostri suggerimenti), guardando i tralicci dell’alta tensione, che ha avuto la folgorazione….. la  fibra ottica trasmette luce lungo un dispositivo fisico, ma la tecnologia per trasmettere luce senza fili c’è, ha pensato Valerio, è il laser! 

Da lì è nata l’idea del «Laserwlan»: una fibra ottica virtuale, che sfrutta la tecnologia laser, sfruttando appunto i tralicci esistenti, per portare Internet veloce in ogni angolo d’Italia (senza più posare la fibra).

Bravo Valerio, continua a pedalare e che tu sia da esempio per tanti ragazzi sognatori geniali come te!

I suggerimenti di viagginbici.com 

Carolina Silvestrin

Non perderti questo:   Il 15 settembre di 100 anni fa nasceva Coppi

Foto La Stampa.it