L’estate sta arrivando ma se le ferie no e avete solo un week end, Pesaro potrebbe essere una buona idea per sgambare e per fare un po’ di mare pulito. Qui pedalare non è un problema: poco traffico e quindi viabilità scorrevole, pianura a perdita d’occhio e soprattutto tante piste ciclabili nascenti. Questa piccola città marchigiana, dal volto di paese ma dalla sostanza di città, potrebbe rivelarsi davvero una scoperta piacevole. Non solo per dare sfogo alle vostre due ruote: mettete in conto anche mare limpido e buon cibo.
A Pesaro si va in Bicipolitana
Al posto delle rotaie piste ciclabili. Per un totale di 78 chilometri con i cantieri ancora aperti. La modalità utilizzata è quella delle metropolitane con i vari percorsi, in modo rapido, gratuito e senza troppo stress. Dal centro storico, piuttosto raccolto, è un attimo raggiungere la famosa Baia Flaminia, un angolo di paradiso situato all’estremità inferiore dell’area protetta di San Bartolo. Grazie alla sua posizione nord-ovest (così molti abitanti ci hanno confermato), è possibile godere dell’alba e del tramonto sul mare. Se la spiaggia libera e senza stabilimenti è la sua forza, peccato per i troppi alberghi alle spalle che tolgono, inutile negarlo, tutta la poesia del posto.

Non perderti questo:   Nuova vita per la ciclopedonale Venezia delle Nevi

Parco di San Bartolo
Per non farci mancare nulla, visto la giornata mite, ci siamo diretti al parco di San Bartolo. Un’area protetta in cui poter fare trekking o andare in bici, senza essere dei professionisti ma avendo un buon allenamento. Si tratta di circa 23 km di strada panoramica tra Gabicce Mare e Pesaro. Visto un territorio così particolare la comunità dei bikers del posto ha stilato il codice del buon biker. Quindi anche in mezzo alla natura le buone maniere sono sempre ben accette, sempre.

Dal parco alla tavola
Anche qui troverete piadine a tonnellate, ma venendo da Rimini (patria della piadina) abbiamo preferito aggredire la tavola seriamente. Che brodetto di pesce sia. Dicono che come lo fanno qui da nessun’altra parte. Sarà così? Di fatto a noi è piaciuto tantissimo, scoprendo quante specie di pesci può offrire l’Adriatico. Gustoso ma senza essere pesante visto che alle tre eravamo di nuovo in sella.