Una vacanza a Valencia in bicicletta tra cultura e buona cucina

La Spagna non è solo Barcellona o Madrid. La penisola iberica pullula di città che meritano di essere scoperte durante tutto l’anno, ma che nei mesi estivi si fanno apprezzare ancora di più grazie al connubio tra cultura, spiaggia e mare: Valencia è una di queste città giovani, frizzanti e adatte a tutti.

Non perderti questo:   Il weekend a Milano in bici: lungo il Naviglio fino ad Abbiategrasso

il mare di valencia
Jonas la consiglia in quanto meta ideale per la bicicletta, facile da girare, con un clima mite e mitigato dal mare e tante attrazioni da scoprire nel ritmo lento delle pedalate: una su tutte la Città delle Arti e delle Scienze e il famosissimo Oceanografico.


style=”display:inline-block;width:728px;height:90px”
data-ad-client=”ca-pub-5142811974836346″
data-ad-slot=”5484498310″>

Si tratta di una vera città nella città: siamo sull’antico letto del fiume Turia, su 35 ettari dedicati alle scienze, alla scoperta, all’architettura proiettata verso il futuro. In quest’ampio parco che ormai è diventato centro pulsante della città, svettano i quattro edifici progettati e curati dal grande architetto Santiago Calatrava: il Museo de las Ciencias, il Palacio de las Artes, l’Oceanografic e l’Hemisfèric che forse è quello che colpisce di più per la sua forma che ricorda un grande occhio adagiato sull’acqua.

valencia
Ma Valencia riserva molti altri scorci caratteristici, tante piazze che si aprono tra vicoli ricchi di fascino e di storia e naturalmente la spiaggia, che ci offre ristoro tra un tour e l’altro, magari assaggiando una Horchata, la bevanda tipica di questa zona.

centro storico valencia

Non solo percorsi in città, alla scoperta dei luoghi simbolo come la cattedrale o l’antica borsa della seta dichiarata nel 1996 Patrimonio dell’Umanità, ma si pedala anche fuori porta: raggiungendo in treno la bella Sagunto, ci inoltriamo verso l’interno della regione alla scoperta della “Via Verde”, un bellissimo percorso tra boschi, ponti e corsi d’acqua dove sembrerà di essere quasi in alta quota.
Un’altra giornata invece viene dedicata alla natura tra terra e mare: attraverso un’ottima pista ciclabile tra le campagne e le risaie da un lato e la spiaggia dall’altro, si arriva alla laguna naturale dell’Albufera.

valencia ciclabile

Qui tra pinete marittime e spiagge selvagge, si visita il paesino di El Palmar dove a bordo di un’imbarcazione tipica si scoprono i dintorni: infine non può mancare un’ottima paella per il pranzo vicino al mare.

paella valenciana
Il risvolto enogastronomico di questa vacanza non si più negare! La prima, vera, Paella nasce infatti a Valencia e tutt’oggi le varianti sono per tutti i gusti, non ci resta che provarle e decidere qual è la nostra preferita!

Il tour è organizzato da Jonas.

 La redazione