Cuneo è una città del Piemonte dal sapore sabaudo sia architettonico che enogastronomico, bello il centro storico che si sta attrezzando a misura di bici, come tutta la Valle Maira e il Parco fluviale del Gesso e Stura. Merita almeno una gita in bici di un giorno il centro storico, dove si può vedere la Torre civica, l’elegante Piazza Galimberti, via Roma, Santa Maria del Bosco e il Santuario della Madonna degli Angeli da cui si gode un meraviglioso panorama su l’arco alpino. Se avete più giorni sono belli da visitare, magari pedalando anche i dintorni, da Saluzzo, città fortificata dal quattrocentesco torrione circolare, il medievale borgo di Mondovì, o Bra nell’alta pianura cuneese tra le colline del Roero, o Alba famosa per i suoi prodotti enogastronomici in particolare il tartufo. Da visitare in provincia di Cuneo anche le quattro residenze sabaude: il castello reale di Racconigi, il castello di Pollenzo e quello di Govone, la reggia di Valcasotto.

In bicicletta sotto il Monviso

Tra i percorsi ciclistici che segnalano le guide locali ci sono la Landandè, la Roa Marenca, la via del Sale, le Montagne del Giro, l’Intervalliva, il tour della Granda. A noi è piaciuto quello dominato dal Re di Pietra, il Monviso. In generale la pianura cuneese del fiume Po, è facile da pedalare lungo strade secondarie a tratti asfaltate o sterrate. Partendo da Racconigi si segue la direzione per Cavallerleone, qui la seta fu produzione d’eccellenza per secoli. Si prosegue verso Cavallermaggiore, dove per i palati raffinati si festeggia la sagra del Gorgonzola. Tappa successiva Savigliano, qui fa bella mostra l’alta torre civica e si accede alla piazza attraversando il grande Arco di Trionfo. In sella alla bici via verso Scarnafigi, il paese dei formaggi e dove si può arrivare alla Cappella della Santissima Trinità che secondo la leggenda fu fondata dai Cavalieri Templari. Si passa tra i frutteti di i meli, peri, albicocchi e peschi, in direzione Lagnasco, e poi si può deviare verso Saluzzo e all’abbazia cistercense di Staffarda a Revello. A pochi chilometri da Saluzzo si vede sulla collina il castello della Manta. Continuando a pedalare tra le colline si raggiunge Busca e il castello neogotico del Roccolo. Si arriva anche a Torre San Giorgio e qui siamo ad una quarantina di chilometri da Torino, magari un piccolo break per gustare la Bagna Cauda (salsa calda fatta con aglio, olio e acciughe) e via si riparte.
http://www.cuneoholiday.com/

Inoltre Cuneo si è proposta in questo periodo di emergenza all’avanguardia nelle soluzioni contro l’inquinamento e a favore della bici. Leggi il nostro articolo.