Due itinerari facili adatti un po’ a tutti con salite morbide. Siamo a fine stagione e una bella biciclettata con la famiglia ci riporta all’origine, a quel ciclismo slow che tanto ci piace. Noi di Viagginbici vi proponiamo due percorsi che abbinano la bici al treno e che ci portano in Umbria.

Anello da Perugia verso il Parco Fluviale

Partenza e arrivo Ponte San Giovanni (Perugia), distanza 22 km (46 tornando in mtb), dislivello 100 metri, fondo stradale 70% sterrato e 30% asfalto. L’itinerario prende il via alle porte di Perugia e risale la valle del Tevere lungo i percorsi sterrati che costeggiano il fiume. In mezzo alla natura lungo il Parco Fluviale del Tevere. E’ tutto in pianura e facile, ma se il percorso dovessere essere troppo lungo nella sua interezza (si dovrebbe ritornare a Perugia) si può pensare all’opzione treno nel ritorno. E’ possibile infatti utilizzare una delle numerose stazioni che si incontrano lungo il percorso. Uscita dalla città dunque si entra nel sentiero sterrato che conduce sulla sponda del Tevere. Da qui si percorre il sentiero per una decina di chilometri, prima di rientrare sull’asfalto superando il ponte sul Tevere e un breve tratto di strada trafficata. Si lascia la strada asfaltata seguendo le indicazioni per la VI circoscrizione entrando nel bosco didattico di Ponte Felcino. Si prosegue superando Villa Pitignano e più avanti si sfruttano le scale di un vecchio acquedotto per oltrepassare il Tevere. Per diversi chilometri ancora si alterna strada sterrata e asfalto fino a Ponte Pattoli. Qui si prosegue in direzione della stazione. Se avete voglia di pedalare ancora si può oltrepassare il ponte sul Tevere e proseguire per l’itinerario che da Ponte Pattoli conduce, sempre seguendo il Tevere, fino ad Umbertide (vedi qui sotto).
Vi consigliamo inoltre di non perdere l’occasione per fare un giro nel centro di Perugia, raggiungibile da Ponte San Giovanni in cinque chilometri. Da visitare piazza IV Novembre, dove si trova la Fontana Maggiore e si affaccia il Palazzo dei Priori, l’Arco ed il Pozzo Etrusco, la Rocca Paolina, l’abbazia di San Pietro, la Chiesa di San Domenico, il complesso di San Francesco al Prato e la chiesa di Sant’Ercolano, l’Ipogeo dei Volumni che è la più grande e importante tomba gentilizia etrusca della regione.

Non perderti questo:   Ischia: il fascino di un'isola tutta da scoprire

Da Ponte Pattoli all’Abbazia di Montecorona

Anche in questo caso percorso ad anello con partenza e arrivo a Ponte Pattoli, distanza 24,5 km, dislivello 200 metri, fondo stradale 30% sterrato e 70% asfalto. L’itinerario è quasi la prosecuzione di quello sopra che da Perugia lungo il corso del Tevere conduce a Ponte Pattoli. Chi è allenato può fare entrambi in una giornata. Prendendo le cose con più calma noi partiamo da Ponte Pattoli e ci dirigiamo verso Umbertide, da dove si può rientrare in Mtb oppure con il treno. Partendo dal centro del Paese o dalla Stazione superiamo il ponte sul Tevere e proseguiamo in direzione di Migiana di Monte Tezio. Iniziamo a risalire la valle del Tevere, pedalando tra prati e boschi alle pendici di Monte Tezio. La direzione è verso La Bruna poi verso un’antica Abbazia Camaldolese risalente all’anno 1.000, poi arriviamo a Umbertide. Meritevole di una visita il centro storico di Umbertide, all’interno del quale spicca la Rocca, fortezza di origine medievale, così come la chiesa di Santa Maria della Reggia e la chiesa di San Bernardino, la chiesa di Santa Maria della Pietà che conserva un affresco attribuito a Pinturicchio, e la chiesa di San Francesco, la più antica di Umbertide. Lungo il percorso si può visitare l’Eremo di Montecorona, realizzato a 700 metri di altezza in un bosco di faggi e castagni che sovrasta la sottostante Abbazia Camaldolese fondata nel 1008.

Se pedalate nel mese di novembre ricordatevi della manifestazione “Frantoi aperti”. Sport e gusto in un solo week end!

www.frantoiaperti.net