PASSIONE, TURISMO, LAVORO, AMBIENTE: A VERONA TUTTO SULLA ‘BIKE ECONOMY’ CON UN PREMIO SPECIALE ALLE REGIONI VIRTUOSE CHE HANNO INVESTITO SULLA PROMOZIONI DELLE VIE VERDI ideato e curato da viagginbici.com

www.cosmobikeshow.com

Ai cancelli di partenza la seconda edizione della rassegna che è stata presentata dalla Fiera di Verona da Maurizio Danese e Giovanni Mantovani, rispettivamente presidente e direttore di Veronafiere, insieme a Paolo Coin, project manager di CosmoBike Show. 

40 i top buyer in arrivo da 18 Paesi: Albania, Austria, Belgio, Bosnia Erzegovina, Croazia, Danimarca, Emirati Arabi Uniti, Germania, Irlanda, Macedonia, Montenegro, Polonia, Regno Unito, Russia, Serbia, Slovenia, Spagna e Svezia. 

Obiettivo: promuovere la bike economy e le conseguenti politiche infrastrutturali, a sostegno di un settore che ha chiuso il 2015 con le vendite in rallentamento del 2,9% rispetto all’anno precedente e 1,6 milioni di unità. E mentre le biciclette tradizionali soffrono, la tecnologia spinge invece quelle a pedalata assistita, in crescita di quasi il 10% (3,5% del totale delle biciclette vendute); comparto in forte espansione.

In calo anche il dato generale della produzione interna (-14%) e il fatturato export di biciclette made in Italy che, sempre l’anno scorso, si è fermato a 173 milioni di euro (-11,3%).

Di segno positivo, invece, il comparto della componentistica, con le esportazioni che guadagnano l’1,7% per un valore di 427 milioni di euro. Un risultato, questo, che spinge il dato complessivo dell’export (bici e componentistica) a 600 milioni di euro*. 

“CosmoBike Show rappresenta un vero e proprio strumento di promozione e crescita a servizio delle aziende – afferma Paolo Coin, project manager della manifestazione –puntando su due grandi asset strategici per lo sviluppo del mercato della bicicletta: ciclabilità urbana e  filone legato al turismo”. 

Tra i capisaldi della bike economy, cicloturismo e bike sharing sono quelli che potrebbero dare nuovo slancio al settore. 

Ogni anno, sono circa 500 mila i turisti con una capacità di spesa medio-alta che scelgono di muoversi nel nostro Paese sulle due ruote a pedali.

Sul fronte delle ciclabili vocate al turismo, inoltre, si stima che ogni chilometro di pista generi ogni anno un indotto fino a 350 mila euro tra hotel, ristoranti, ostelli e infrastrutture*. 

Dal 2011 al 2014, infatti, il bike sharing è cresciuto del 96%, con una diffusione in oltre 60 grandi città e un parco circolante di oltre 11mila unità.

Non solo turismo; infatti sono quasi 750mila gli italiani che, nel 2015, hanno scelto la bicicletta per i trasferimenti casa-lavoro. In pole position i trentini (13,2%), seguiti dagli emiliani-romagnoli (7,8%), tallonati dai veneti (7,7%)*. 

All’inaugurazione della seconda edizione di CosmoBike Show, venerdì 16 settembre, alle 10.30 saranno presenti il ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, il Sottosegretario all’Ambiente  Barbara Degani, il direttore generale di Ancma, Pier Francesco Caliari ed Elia Viviani, il 27enne ciclista veronese Oro olimpico a Rio nel Omnium su pista.

 

Tra le iniziative e gli eventi di CosmoBike Show 2016:

 Italian Green Road Award. Parte dalla passione per il viaggio e il territorio, l’Italian Green Road Award, l’Oscar del Cicloturismo Italiano organizzato da viagginbici.com e CosmoBikeShow in partnership con Bosch eBike Systems, Betonrossi e SI.SE., che premia le Vie Verdi candidate dalle Regione d’Italia.

I vincitori saranno premiati nel corso della cerimonia di inaugurazione dell’edizione 2016 di CosmoBike Show 2016, il 16 settembre alle ore 10.00 alla Fiera di Verona. 

“Veronafiere con Italian Green Road Award vuole essere strumento di aggregazione per aziende e sostenere attivamente settori di interesse per il loro business – spiega Giovanni Mantovani, Direttore Generale di Veronafiere –. Il Premio si allinea perfettamente alla filosofia della manifestazione, mettendo al centro la passione, gli interessi e le esigenze del ciclista, guardando al futuro del settore, con tematiche quali sostenibilità ambientale, nuovi concetti di mobilità urbana e ricerca tecnologica”.

Un contest che pone l’accento su argomenti di forte attualità che interessano diversi settori: infrastrutture, viabilità, ambiente, ricerca e sviluppo, fino ad arrivare alla salute ed al sociale, stimolando l’utilizzo delle due ruote nel quotidiano oltre che nel tempo libero. 

“Valorizzare i territori e i loro investimenti in infrastrutture verdi è lo scopo dell’ItalianGreen Road Award.” 

Cycling Mobility Quality Label è il marchio di qualità creato da Veronafiere con CosmoBike Show 2016, Shimano, FIAB (Federazione Italiana Amici della Bicicletta) e Festival Tocatì (Festival Internazionale dei giochi di strada, 15-18 settembre 2016 a Verona), riservato agli organizzatori di manifestazioni ed eventi che prestano particolare attenzione alla mobilità sostenibile, promuovendo l’utilizzo della bicicletta attraverso la realizzazione di parcheggi scambiatori, parcheggi bici, comunicazioni ai visitatori e materiale informativo.

CosmoBike Mobility il Salone del ciclismo urbano dedicato alla progettazione e realizzazione di città a misura di bicicletta. Dal 14 al 16 settembre Verona è la sede in cui progettisti, pubbliche amministrazioni, associazioni e addetti ai lavori da tutta Europa si incontrano per fare il punto sul tema della ciclabilità urbana e per immaginare assieme la città del futuro. 

La redazione

Non perderti questo:   Le migliori 10 e-bike su Amazon (2019)