Come per l’uomo e la sua evoluzione, anche la bicicletta ha saputo modificarsi in tanti modelli. Tra questi c’è la e – bike o bicicletta a pedalata assistita (EPAC – Electric pedal assisted cycle, detta anche bici elettrica). L’e – bike sappiamo è una bici alla cui azione dell’uomo si aggiunge quella di un motore. In passato era comune l’uso di un motore a combustione interna, mentre negli ultimi anni i motori sono quasi esclusivamente elettrici. Ma sapete che esiste un antenato dell’e – bike? Si chiama velosolex. Prodotto a partire dagli anni ’40, il suo successo durò fino all’inizio degli anni ’70. Ancora oggi, però, ci sono degli appassionati che lo utilizzano, anzi ne promuovono anche una competizione che si tiene quest’anno il 6 luglio in Svizzera, a Plateau de Diesse, nel canton Berna.


Negli anni del primo dopoguerra questo mezzo di trasporto era l’ultimo grido della tecnologia: era in sostanza (ma su Amazon ne potete anche oggi acquistare diversi modelli) una bicicletta sul cui manubrio era montato un piccolo motore. Una “bicicletta che viaggia da sola”, come recitava lo slogan. La sua scomparsa però non si deve alle bici elettriche, ma invece al diffondersi negli anni ’70 dei primi motorini della Piaggio, come Ciao o Boxer.

Non perderti questo:   Le migliori 10 e-bike su Amazon (2019)


Negli anni ’50 e ’60 il Velosolex appare in molti film, lo guidava Steve McQueen, Catherine Deneuve, ma soprattutto Brigitte Bardot, che fece la sua prima apparizione cinematografica nel 1952 proprio in sella a uno di questi mitici mezzi.
Il Velosolex era conosciuto anche sotto il nome abbreviato di Solex, è categorizzato come bicimotore creato dall’azienda meccanica francese Solex. Prodotto originariamente in sei milioni d’esemplari dal 1946 al 1988, la sua fabbricazione è stata ripresa in Ungheria dal 1993 al 2003. Dal 1997, inoltre, a seguito di una joint-venture sino-francese, una produzione di motori del Velosolex continua in Cina, effettuata dalla Jiangxi Hongdu Moped Company Limited.
Caratteristiche di questo veicolo sono la sua semplicità e robustezza, il basso consumo di carburante di circa 1,4 litri di benzina normale, miscela olio-benzina a 100 km, il peso ridotto di 28 kg.

https://www.tessenbergrennen.ch/