E’ stata dedicata a Gino Bartali la stazione di sosta per ciclisti organizzata nel cortile del Santuario del Piratello (Imola), a cura dei frati francescani del santuario. Un’area attrezzata che oltre a offrire la fontana e i bagni già presenti, permette di accedere ad un pannello attrezzato con tutti gli strumenti per la manutenzione della bicicletta e la sostituzione delle camere d’aria. Il “Ginettaccio” si trova nel cortile del quattrocentesco santuario della Beata Vergine custodita dai frati francescani del Terzo Ordine Regolare. Dietro al santuario c’è l’antico cimitero monumentale di Imola, luogo di interesse storico e turistico. Il cortile affaccia sulla pista ciclabile Luciano Pezzi che collega Imola con Dozza, e nelle vicinanze c’è un importante snodo di percorsi cicloturistici e sportivi, tra cui le Strade Bianche di Romagna (stradebianchediromagna.it).

Padre Riccardo Battiloro spiega “Il Piratello è meta e crocevia di tanti cicloviaggiatori e non. Nel cortile si fermano per riposarsi, bere dell’acqua. Noi abbiamo pensato di creare uno spazio per ciclisti in difficoltà. La struttura è stata creata da un gruppo di amici provenienti da Emilia Romagna Lombardia e Umbria, che hanno messo a disposizione le loro conscenze per progettare, creare e assemblare la stazione”.