premiazione zaia veneto a cosmobike

Federico Caner, Ludovica Casellati, Barbara Degani, Luca Zaia, Federica Cudini, Elisa De Berti

Correnti in fiera. Correnti di cultura e di tecnica. Venti di cambiamento che soffiano piano e inesorabili. È stata così l’edizione numero tre di

CosmoBike Show, a Verona e si sono viste un bel po’ di cose,

anche a leggere tra le righe.

Il bilancio è più che positivo: Cosmobike Show raggiungendo quota 60mila visitatori

in quattro giornate, ribadisce il ruolo della manifestazione quale

appuntamento di riferimento in Italia per il settore della bicicletta.

Le nuove tendenze

Tendenze di biciclette da corsa che si fanno sempre più sofisticate ma anche veloci e performanti. C’è l’aerodinamica ora che detta legge sulla strada, ma subito sotto vediamo la ricerca della versatilità: dalle gravel, le biciclette che vanno dappertutto, alle gomme che si fanno più larghe perché, al contrario di quanto si credeva una volta, sono più scorrevoli.

biciclette esposte

cosmobike 2017

Poi ci sono le mountain bike che diventano più leggere e spesso vengono proposte nella versione motorizzata, anzi, a pedalata assistita. Perché è bello fare fatica, ma per chi ama fare discesa non è male trovarsi una bicicletta con l’impianto di risalita incorporato e poi giù di nuovo a divertirsi.

Sempre più e-bike

Ecco, il tema della bicicletta a pedalata assistita è stato molto forte, tanto che qualcuno ha storto la bocca.

Sono troppe le e-bike? No, perché allargano le possibilità di utilizzo della bicicletta

a persone che altrimenti non pedalerebbero, permettono di andare in bicicletta insieme anche a gruppi eterogenei per allenamento e preparazione e, soprattutto, si propongono come alternativa valida ai mezzi motorizzati nella mobilità urbana (e fanno risparmiare anche un bel po’ di soldi).

Nel mercato del turismo, poi, permettono di rendere pedalabili a famiglie intere parti d’Italia

altrimenti impossibili.

freeduck

cosmobike 2017

È la bicicletta che allarga i suoi orizzonti e se ancora i critici non si sono convinti hanno trovato gli artigiani dell’acciaio a dargli soddisfazione.

Gli artigiani sono quelli che mettono in pratica le loro idee secondo una ricerca di novità che non è dettata solo da regole matematiche. Ci sono inventiva e fantasie, qualità legate da sempre al concetto stesso di bicicletta.
E poi tanti accessori per fare la bicicletta più comoda e adatta a tutti. Chi ha detto che la bicicletta non è più su misura? Con le possibilità tecniche che ci sono è possibile personalizzare ogni dettaglio anche sui modelli senza telaio su misura.

Andare lontano, allora, diventa sempre più facile.