L’Eroica vista da vicino è una grande e irripetibile emozione

Sono le 4.45 quando raggiungo l’accampamento allestito nel campo di calcio di Gaiole in Chianti. Il silenzio è assordante!

Qua e la qualche lumino di bicicletta, c’è chi si sveglia, chi si prepara la colazione con i fornelletti per scaldarsi, chi inforca i puntapiedi dei pedali e va verso la partenza.

 

eroica

Alle 5.00 ci sono 7 gradi e 2000 persone nella piccola Piazza Ricasoli. A controllare che le biciclette siano in regola lui Claudio Marinangeli, l’organizzatore della manifestazione. A idearla nel 1997  fu Giancarlo Brocci.

partenza eroica

Il freddo si fa sentire ma a riscaldare subito animi e muscoli la salita del Castello di Brolio. E’ ancora buio e ad illuminare la strada i lumini ad olio posti sul ciglio del suggestivo viale.

Finalmente il sole sorge e il “Leccio” segna i primi 17 chilometri percorsi orgogliosamente.

leccio eroica

 

 

Gli animi sono allegri, nessuno ha fretta, tranne i pochi esaltati che sperano di concluderla con un tempo “da record”…..ma diciamo la ve17 km eroicarità l’importante nell’Eroica è partecipare e arrivare al proprio traguardo!

I gruppi di amici con le maglie delle squadre di un tempo si fermano in punti panoramici per scattarsi la foto ricordo assieme. Genuino spirito ciclistico e sano divertimento, sono due ingredienti che non possono mancare altrimenti non si chiamerebbe Eroica.

Loro quelli delle 5.00 stasera avranno nelle gambe 203 km sempre che abbiano dormito a Gaiole. Affrontano le salite sulle strade bianche verso Siena senza nascondere la fatica che, con quelle bici pesanti con i cambi al telaio, sempre che ce l’abbiano, è inevitabile.

Non perderti questo:   Seconda edizione a Rimini per l'Italian Bike Festival

Sono elegantissimi uomini e donne!

eroica

 

Vero è che la Toscana soprattutto da queste parti regeroica sienaala scorci di una bellezza inimitabile, che non stancano mai la vista anzi temprano gli animi.

Al sorgere del sole i colori sono straordinari

 

 

 

 Anche i personaggi che popolano l’Eroica non scherzano….sono di tutte le età e professioni. Pensate che quasi tutti i giornalisti accreditati la percorrono se non tutta in parte. Qui sotto a destra in foto Alessandro Fulloni del Corriere della Sera con un completino vintage del Corsera!

eroica toscana eroica

Non manca qualche foratura…. Nelle salite il fiato ritmato e il rumore del ferro dei cambi  sono gli unici suoni che si odono nella meravigliosa campagna toscana che fa da cornice a questi uomini d’altri tempi …qua e la qualche imprecazione ma sempre leggera!

Il primo punto ristoro e controllo è a Radi. Ad arrivare anche le poche donne partecipanti….

 

 

ristoro eroica donna all'eroica

 

Questa è la fase in cui i controllori della competizione appongono il primo timbro nel libretto, a significare che si è completata la prima tappa, i volontari dei punti ristoro dispensano pane e finocchiona, crostate, biscotti e ogni genere di conforto.

 

 radi eroica

La stanchezza comincia a farsi sentire già verso mezzogiorno: ma loro, gli eroici, continuano a pedalare con una freschezza surreale.

La strada è ancora lunga ma la giornata è bellissima e si concluderà al Traguardo con un bel bicchiere di Chianti classico! 

In diretta dall’Eroica Ludovica Casellati