Buone notizie da una grande Città, fino ad oggi capitale dell’automobile, che vuole diventare più green; parliamo di

Torino, che vuole diventare città delle bici

e per farlo prevede non solo il raddoppio delle piste ciclabili entro il 2020, ma che ha predisposto un assessorato ad hoc con delega alla bicicletta ed una app per il bike sharing.

Maria Lapietra, assessore alle Infrastrutture, ha assunto la delega dell’assessorato alle bicilette e lo ha annunciato finchè pedalava al parco del Valentino.

portici torinoMolti i progetti in cantiere e l’attività per realizzarli è già iniziata;

e, se fino ad oggi l’assessorato alle Infrastrutture e al Traffico, relegava la bicicletta al concetto di scampagnata della domenica e del verde, si vuole invece far sì che diventi parte integrante dello spostamento urbano; così Maria Lapietra ha pensato di non poter essere promotrice del muoversi sostenibile, senza essere anche “assessore delle biciclette”.

Da qui è partita l’idea dell’assessorato con delega alla bicicletta, appunto. A questo link, troverete tutte le informazioni in proposito.

Non perderti questo:   In arrivo un'app per visitare Torino a piedi e in bici

Reti e parcheggi

Altra novità a Palazzo Civico, la Consulta dei ciclisti,

l’organo che dovrà dare il proprio parere su ogni scelta sul tema. Con questi strumenti, il Comune insegue un grande obiettivo: una rete ciclabile che attraversi tutta la città. Attualmente Torino ha un buon sistema, ma discontinuo; l’intento dell’Assessorato alla Bicicletta, sarà quello di unire le piste ciclabili per collegare i poli universitari e di dotare le stazioni ferroviarie di bicirimesse chiuse; arrivando ad avere trecento chilometri di ciclabili entro pochi anni, contro i centosettantacinque chilometri attuali.

Disponibile, anche la App “Muoversi a Torino”, torino in bici

che permetterà, a chi la scaricherà, di visualizzare intorno a sé il numero delle bici affittabili in tempo reale; QUI il link per scaricarla.

Chissà se Torino, deciderà di partecipare all’Urban Award

il prossimo anno e provare ad aggiudicarsi il primo premio di città bike friendly, ideato dal nostro magazine? Qui troverete l’articolo, per scoprire di cosa si tratti.

Stanno andando nella giusta direzione, ci contiamo!