image-0001Un susseguirsi di palme da far impallidire Santa Monica – sono ben 10mila -, il centro di una storica civiltà marinara e i cordoni sabbiosi della riserva naturale Sentina. A San Benedetto del Tronto la ciclabile Profumo di mare è suggestiva a cominciare dal nome. In tutto 11 chilometri di pista tra centro commerciale all’aperto, lungomare e area protetta. Si tratta di un percorso nel comune litoraneo più meridionale delle Marche, zona di pescatori e di turismo marittimo. All’Italian Green Road Award – premio alla migliore via verde che verrà assegneto al Cosmo Bike Show di Verona (dall’11 al 14 settembre) – la ciclovia sanbenedettese terrà alta la bandiera dell’Adriatico ciclabile.

Il percorso marchigiano si sviluppa dall’interno dell’area urbana fino a raggiungere la riserva naturale regionale della Sentina, per riconnettersi con due ciclovie importanti: quella Adriatica abruzzese e quella che arriva ad Ascoli Piceno.

Una combinazione di ambienti storici e naturali, su fondo in porfido, cemento, asfalto e strada bianca, che attraversa il centro storico del comune, l’isola pedonale nel borgo marinaro, la pineta storica di via Pasqualetti, e si integra con il lungomare disegnato agli inizi del 1900 e che concretizzò l’idea di dotare San Benedetto del Tronto di una passeggiata suggestiva con essenze esotiche, le palme delle Canarie che svettano tra oasi e vie ciclopedonali.

Nel suo tragitto la green road sanbenedettese tocca i più importanti punti di riferimento e di ritrovo culturali e ambientali per cittadini e turisti, dal parco naturalistico del lungomare all’area avifaunistica protetta, procedendo verso sud.

I DIECI GIARDINI A TEMA, TRA PALMIZI E CHAISE LONGUE

Dopo la riqualificazione del 2006, San Benedetto del Tronto vanta un lungomare da dieci giardini tematici e più di mille specie tra piante e fiori. Si parte dal giardino multisensoriale, fruibile anche dai non vedenti e realizzato per colpire non solo la vista , ma anche tatto, olfatto, odorato e persino il gusto. Arriva poi la ricostruzione simbolica della campagna picena, lo spazio dedicato ai bambini e quello dedicato alle erbe officinali. Poi agrumi, macchia mediterranea, palme, piante grasse, arbusti e, dulcis in fundo, 30 specie di rose.

Non perderti questo:   Bike Barcellona: tanto divertimento per grandi e piccini

LA PALAZZINA AZZURRA COME IL MARE

palazzina_azzurraAl numero 14 di viale Buozzi si trova uno dei simboli di San Benedetto del Tronto. La Palazzina azzurra è un edificio costruito negli anni Trenta, che ha cambiato pelle più volte in 80 anni di storia. Inizialmente pensata per ospitare tennisti e turisti in un club con pista da ballo, sala lettura e campi da gioco, è diventata poi il cuore della vita notturna sanbenedettese come dancing negli anni Sessanta, per trovare oggi un nuovo volto artistico e culturale con esibizioni, mostre, eventi musicali e letterari.

LA RISERVA NATURALE SENTINA

Riserva Naturale Sentina_1Un’area naturalistica dove visitare le aree umide recentemente ripristinate e osservare un’avifauna unica, che qui sosta durante le migrazioni ed è ben visibile dai punti di birdwatching. Questa riserva, nata nel 2004, è la più piccola area protetta marchigiana – 180 ettari -, ma vi si trovano diversi habitat e una vegetazione varia, con specie che vanno dalla salicornia alla liquirizia. Attualmente nella riserva è in fase di realizzazione un tratto ciclopedonale di 400 metri, per rendere le bellezze ambientali di questo tratto di Marche non solo protette, ma anche accessibili a tutti.

 

 

Per il tour virtuale della ciclovia Profumo di mare: http://virtualtour.comunesbt.it/