colori dell’Istria Nord-Occidentale sono quattro.

Il blu del mare, costante presenza dell’Adriatico negli occhi, che abbraccia tutta la regione. Il verde della natura, rigogliosa e verace, che è stata risparmiata dall’intervento umano. Il bordò del vino, vero padrone di queste terre, dono della terra, del vento e del sole. E l’arancione dello sport, il modo migliore per godersi le bellezze e le eccellenze di queste zone.

Questi i quattro colori scelti come tema da Colours of Istria,

portale che promuove il turismo attivo e il cicloturismo nella penisola tra

comprende i quattro centri di UmagVerteneglioBuieNovigrad

L’Istria Nord-Occidentale è un lembo di terra che potrà risultare poco intuibile ai più, ma che in realtà è dotato di una forte identità che è stata arricchita da una storia densa e variopinta. Borghi di pescatori, villaggi rurali nell’entroterra collinare, suggestioni mediterranee e cibi squisiti. E soprattutto, una vasta rete di ciclabili e strade poco o per nulla trafficate,

tra le quali la splendida Parenzana è soltanto la più celebre.

Il cicloturismo istriano

La posizione di questa regione la rende

facilmente accessibile da Italia, Germania, Austria, Slovenia e Croazia.

E gli investimenti fatti su questo territorio a livello di infrastrutture, sinergie e comunicazione la rendono perfetta per una vacanza a base di ciclismo e relax.

Sempre più hotel sono bike-friendly. E oltre a offrire una serie di convenzioni e attrezzatura per ciclisti, dalle riparazioni a parcheggi idonei, si sono muniti della figura professionale dell’esperto di ciclismo, una guida qualificata con una conoscenza approfondita del territorio.

E l’offerta ciclistica è davvero a 360°. L’amatore, lo sportivo, il mountain biker e il cicloturista

troveranno pane per i loro denti (o strade per le loro ruote). Oltre a un fitto calendario di eventi sportivi di cui la Istria Gran Fondo è soltanto il culmine, la rete di percorsi indicati nelle guide e-book liberamente scaricabili comprende itinerari facili da fare in famiglia, così come sentieri e trail MTB e strade affascinanti per bici da corsa. In questo articolo ne vediamo un paio, scelti tra la moltitudine presente. L’intero catalogo di tracce scaricabili in formato .gpx si trova qui

Non perderti questo:   Malta: il centro della bussola del Mediterraneo

.

Località archeologiche e strade del vino di Umago

lunghezza: 34 km
dislivello: 281m +
punto di partenza e di arrivo: villaggio turistico di Katoro
punti di interesse:
  • il faro a Savudrija
  • la cantina Degrassi a Bašanija
  • la sala di degustazione di ottimi oli d’oliva extra vergini Pavlović a Frančeskija
  • la konoba Buščina che offre specialità a base di carne del bue istriano boškarin (previa prenotazione)
  • il Museo Civico di Umag
  • la località archeologica Capo di Tiola a Katoro

Un sentiero cicloturistico adatto a tutti, con scarso dislivello e strade tranquille.

Tra le suggestive rovine delle domus romane e filari di vigneti, per rilassarci poi con un calice di vino locale.

L’itinerario degli afrodisiaci

lunghezza: 35 km
dislivello: 936m +
punto di partenza: Istarske Toplice – vecchia cava
punti di interesse:

  • Terme istriane
  • villaggio di Levade, centro mondiale del tartufo
  • chiesa di Santo Stefano e sorgente d’acqua termale

Un itineario piuttosto impegnativo per mountain bike, che va su e giù per i colli istriani.

Il sentiero ufficiale, ben segnalato e sterrato, ci porta a godere di panorami incredibili tra verde e azzurro, fino a Levade, considerata la capitale mondiale del tartufo bianco, una delle eccellenze gastronomiche della zona. Merita inoltre una visita la sorgente termale presso la Chiesa di Santo Stefano, dove è possibile rilassarsi dopo le fatiche del percorso.

Enogastronomia e cicloturismo: i sapori dell’Istria

Dato che conoscere un territorio passa anche e soprattutto per il palato,

Colours of Istria ha pensato di tematizzare l’offerta della regione in base alla stagionalità dei suoi prodotti:

Vino durante la vendemmia, sagre dei frutti di mare come calamari e sogliole durante l’inverno, tartufo in autunno… Anche questo è un modo sostenibile di fare turismo: offrire prodotti freschi e di stagione promuovendoli nel periodo dell’anno giusto, in modo da non impoverire la terra e da valorizzare le eccellenze.

Così come è sostenibile fare turismo spostandosi in bici.