Bari è una perla, è bellissimo attraversarla a piedi o con il risciò, ma il mezzo green che noi preferiamo è la bicicletta! Ci sono cose che non si possono perdere e la bici ci accompagna in questo viaggio tra arte, musei e cucina, perchè qui le prelibatezze non mancano! In un paio di ore utilizzando la bicicletta si può conoscere il cuore pulsante della città, avventurarsi nei suoi vicoli, conoscere la gente, capire il suo cuore pulsante.

Cosa non perdersi a Bari

Un giro in bicletta a Bari deve includere la Basilica di San Nicola, uno degli edifici religiosi più importanti e suggestivi d’Italia. Patrono della città, San Nicola di Myra è il vescovo che secondo la leggenda ha dato le origini a Santa Claus, il nostro Babbo Natale. Le sue spoglie riposano proprio nella cripta di questa basilica, che è meta di pellegrinaggio da parte di fedeli cattolici e russi ortodossi, si tratta di uno dei pochi luoghi di culto italiani in cui si celebrano le funzioni di entrambi i riti. Il tesoro di San Nicola, è custodito nel Museo Nicolaiano adiacente alla Basilica. Il quartiere di San Nicola, la “Bari vecchia” che si stende tra i due porti, risale al Medioevo, ed è racchiuso tra mura e dominato dal Castello Normanno Svevo. La Cattedrale di San Sabino, che risale al 1.100, custodisce un prezioso codice miniato medievale. Il Fortino di Sant’Antonio Abate, edificato nel 1.300 per scopi difensivi. E poi Bari sotterranea, percorso guidato notturno che, in compagnia di archeologi accreditati, parte dai sotterranei del Castello Normanno Svevo e attraversa sotto terra tutta la città vecchia. E ora diteci Voi cosa vi piace di Bari, andate a visitarla!


I tour di Bari

Si possono trovare proposte diversificate per visitare la città, anche con i mezzi che non sia la bicicletta, e anche tour più o meno lunghi che vi faranno conoscere luoghi e persone di Bari. Ci sono percorsi che portano a vedere non solo alle bellezze artistiche e architettoniche, molti sono conditi anche dai sapori della cucina del Sud e dai suoi aromi. Se poi si ha la possibilità di fare qualche giorno di vacanza in più perchè non conoscere anche i dintorni, ad esempio Alberobello e suoi meravigliosi trulli. Con a disposizione sei ore si può pedalare tranquillamente verso il mare dopo la passeggiata nella zona monumentale, gustando le tipicità del territorio nel cuore della Puglia rurale, prima di arrivare in bicicletta a Monopoli. Oppure dedicare un po’ di tempo a Matera, pedalando nel Parco Nazionale dell’Alta Murgia dopo la passeggiata nel centro storico fino ad arrivare ad Altamura.

Il progetto Veloservice

C’era una volta un’idea, quell’idea è anche uno stile di vita nuovo e green. Oggi c’è Velo Service, un progetto che ha compiuto da poco dieci anni di attività e nasce dall’idea di due giovani pugliesi, Paco Ricchiuti ed Adriano Bottalico. La bicicletta applicata al turismo, usata come strumento di cambiamento, questo il concetto base. Ma non solo bicicletta, i sevizi offerti vanno dai “cammini”, alla bici – risciò, ma sono utilizzati anche mezzi elettrici come segway e monopattini. http://www.veloservice.org/